Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Riforma: necessaria per pace, Consiglio non club esclusivo

La riforma del Consiglio di Sicurezza e’ necessaria a sostenere il mandato delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace ma deve essere realizzata all’insegna dei principi di inclusivita’, rappresentatività’ e esclusività’. Lo ha detto, parlando in una riunione ad hoc del Consiglio di Sicurezza su “guerra, le sue lezioni e la ricerca di una pace permanente”, l’ambasciatore Inigo Lambertini, vice-rappresnetante permanente d’Italia all’ONU. UNSC_1_1257491f

“Il Palazzo di Vetro e’ troppo spesso biasimato per i conflitti nel mondo ma nessun club e’ piu’ grande che la somma dei suoi membri”, ha detto Lambertini secondo cui “le Nazioni Unite possono solo cercare di affrontare i problemi creati dai suoi membri, e questo e’ specialmente difficile se all’organizzazione mancano strumenti e strutture necessarie”. Per questo – ha aggiunto il vice-rappresnetante permanente – l’Italia appoggia una riforma del Consiglio di Sicurezza, l’organismo la cui primaria responsibilita’ e’ il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale. “Per essere efficace questa riforma deve conformarsi a una serie di principi vincolanti: inclusivita’, rappresentativita’, responsibilita’. La riforma deve aumentare la flessibilita’ del Consiglio e la sua interazione con la membership che lo dovrebbe percepire come un club affidabile e non esclusivo”.

logo_comunita_ufficiale_itLambertini ha sottolineato che la pace “e’ un processo dinamico” e “non solo il fatto di aver firmato un trattato”. L’esempio portato dall’ambasciatore in Consiglio e’ stato quello del processo di pace in Mozambico, il cui accordo di pace duraturo fu firmato a Roma nell’Ottobre 1992 e che l’allora segretario generale Boutros Boutros-Ghali sefini’ “la formula italiana”: un paziente esercizio di riconciliazioni tra le parti di un un conflitto messo a punto da una coalizione di protagonisti che includevano il governo italiano, l’opposizione italiana, una Ong italiana e la Chiesa Cattolica.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts