Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Clima: Ispra, Italia a un passo da Kyoto, tagli 17 mln ton CO2

ROMA – Ridurre di 16,9 milioni di tonnellate le emissioni di anidride carbonica per raggiungere gli obiettivi del protocollo di Kyoto. L’Italia si sta finalmente avvicinando al raggiungimento dei limiti sui gas serra fissati in Giappone nel 1992 dalle Nazioni Unite. Lo afferma l’Ispra , che ha individuato la quantità di CO2 da “tagliare” nel nostro Paese per colmare il gap a livello internazionale entro il 2020.

Secondo l’Ispra in Italia nel 2012 le emissioni totali di gas serra (espresse in CO2 equivalente) sono diminuite del 5,4% rispetto al 2011 e dell’11,4% rispetto al 1990, anno di riferimento per il protocollo di Kyoto. I dati dell’inventario nazionale delle emissioni in atmosfera dei gas serra sono stati presentati dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale nell’ambito della Convenzione quadro per i cambiamenti climatici delle Nazioni Unite, l’Unfccc (United Nations framework convention on climate change)

La diminuzione – spiega l’Ispra – “riscontrata in particolare dal 2008 è conseguenza sia della riduzione dei consumi
energetici e delle produzioni industriali a causa della crisi economica e della delocalizzazione di alcuni settori produttivi, sia della crescita della produzione di energia da fonti rinnovabili (idroelettrico ed eolico) e di un incremento dell’efficienza energetica”. Tra il 1990 e il 2012 – continua l’Istituto – “le emissioni di tutti i gas serra considerati dal protocollo di Kyoto sono passate da 519 a 460 milioni di tonnellate di CO2 equivalente; variazione ottenuta principalmente grazie alla riduzione delle emissioni di CO2, che contribuiscono per l’84% del totale. Secondo l’inventario nazionale presentato dall’Ispra, considerando la media delle emissioni del periodo 2008-2012, la riduzione rispetto al 1990 è del 4,6%. Una stima che integra anche i crediti forestali e i meccanismi flessibili ha quindi fissato a 16,9 milioni di tonnellate di CO2 la quantità di emissioni da “tagliare”.

Il 1990 è l’anno di riferimento per queste valutazioni, mentre il periodo 2008-2012 è il frangente temporale di applicazione del protocollo. Sempre per l’Ispra, questa discrepanza “consente all’Italia di raggiungere l’obiettivo di Kyoto con uno sforzo limitato, attraverso l’utilizzo di ulteriori crediti consentiti dai meccanismi flessibili”. (16 aprile 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts