Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Intervista a Ban Ki-Moon: “Date un grande contributo”

ROMA- “Sono felice di venire in Italia perché date un grande contributo fuori dai vostri confini in termini di sviluppo, pace e sicurezza, diritti umani”. Con questo spirito il segretario generale dell’Onu Ban Ki-moon ha avviato un intenso programma di incontri, visite e attività di coordinamento che lo terrà per tre giorni a Roma, dove vedrà il presidente Giorgio Napolitano, Papa Francesco e il premier Matteo Renzi. Il dinamismo di quest’ultimo lo ha già molto colpito: “Renzi è giovane, è il premier di un paese molto importante per l’Onu e ha rinnovato l’impegno a rafforzare la nostra partnership”, ha detto Ban Ki-moon parlando, poco prima della partenza da New York, con Paolo Mastrolilli, inviato speciale della Stampa.

Nell’intervista, pubblicata in coincidenza con l’inizio della visita in Italia, il segretario generale ha affrontato tutte le grandi sfide che hanno di fronte le Nazioni Unite, dall’Ucraina alla Siria, dai cambiamenti climatici ai flussi migratori, pur evitando in alcuni casi di impegnarsi troppo. Ha elogiato ad esempio l’“ottimo lavoro” dei caschi blu italiani della missione Unifil in Libano e l’“opera eccezionale” del loro comandante Paolo Serra, ma ha preferito non pronunciarsi sulla conferma di un italiano al vertice dell’operazione. Ha sostenuto il “merito” della richiesta italiana di un arbitrato internazionale sui due marò detenuti in India, ma non ha voluto andare più in là, limitandosi a “sperare” in una soluzione armoniosa.

Nel colloquio con Mastrolilli il segretario generale ha comunque ribadito l’obiettivo dell’Onu di arrivare a una “Ginevra 3” per la Siria, ricordando che le elezioni indette dal regime sono “incompatibili con la lettera e lo spirito” del comunicato sottoscritto nella precedente conferenza nella città svizzera. Ha insistito sulla strada del dialogo nella crisi tra Ucraina e Russia e sull’applicazione dell’accordo sottoscritto il 17 aprile sempre a Ginevra. E ha espresso gratitudine per il sostegno finanziario del governo italiano e dell’aiuto di Torino allo “Staff College” ospitato dalla città piemontese, che è il centro di istruzione e addestramento per la capacity building delle Nazioni Unite.

Nell’intervista alla Stampa, Ban, che è giunto a Roma dopo una visita lampo nel Sud Sudan, ha insistito sulla priorità della lotta ai cambiamenti climatici, sulla quale si terrà un summit internazionale il 23 settembre al Palazzo di vetro, con la partecipazione anche del premier Renzi. E il segretario generale, che venerdì vedrà il Papa assieme ai rappresentanti di molte agenzie dell’Onu, ha detto che “Nazioni Unite e Santa Sede hanno gli stessi obiettivi e le stesse idee”. E poi ha precisato: “Abbiamo bisogno del sostegno di Francesco per affrontare le ingiustizie sociali, l’intolleranza e per sradicare la povertà”.

Ecco il link all’intervista di Paolo Mastrolilli: http://www.lastampa.it/2014/05/07/esteri/litalia-diventer-la-base-per-la-difesa-della-pace-VtpZhvNvolN3noeII57YtK/pagina.html

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts