Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Giordania: un ospedale italiano in campo profughi

Ad Azraq in Giordania nord-orientale, c’e’ un campo profughi che da oggi ha un ospedale italiano: “Non siete soli” nell’affrontare la crisi umanitaria siriana, ha detto alle autorità’ giordane il ministro degli Esteri Federica Mogherini inaugurando il centro sanitario e dicendosi “orgogliosa di contribuire ad alleviare la sofferenza, almeno quella fisica, di chi scappa dalla guerra”.

L’ospedale, costruito dalla Protezione Civile, è stato finanziato dalla Cooperazione allo sviluppo con 1,2 milioni di euro con la partnership della Provincia autonoma di Trento e Bolzano. Aprirà nei prossimi giorni e sarà disponibile anche per la popolazione giordana della zona. La gestione del personale e delle attività sarà a cura dell’Echo (l’Ufficio umanitario europeo) attraverso i comitati della Croce rossa di Canada, Norvegia, Finlandia e Germania. Il campo di Azraq, aperto poco più di un mese fa, è in continua espansione ed è destinato ad accogliere fino a 130 mila persone anche se finora sono “solo” ottomila i siriani che vi hanno trovato accoglienza.

La Mogherini ha visitato campi profughi anche in Libano. “Possiamo aumentare gli sforzi per migliorare le loro condizioni di vita. I progetti della Cooperazione, delle ong, delle organizzazioni internazionali in questo sono preziosissimi”, ha detto  in mezzo alle tende del campo di Terbol, nella Valle della Bekaa.

L’Italia partecipa con 50 progetti per 150 milioni di euro al sostegno dei rifugiati siriani nei paesi limitrofi. “Ma e’ nostro dovere fermare la guerra in Siria per farli tornare alle loro case, ammesso che ci siano ancora”, ha aggiunto la responsabile della Farnesina che a Beirut ha visitato anche il campo profughi palestinese di Burj el Barajneh, dove ai 30-40mila rifugiati palestinesi che vi vivono da decenni se ne sono aggiunti negli ultimi mesi altri 9mila, molti dei quali in fuga dall’assedio dal campo siriano di Yarmouk, e a Qabb Eliass ha fatto tappa al centro di accoglienza di Intersos, dove l’ong gestisce insieme con l’Unhcr progetti dedicati in particolare a donne e bambini. 

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts