Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Dpko, tecnologie in campo per protezione proattiva civili

A fronte di conflitti inferiori in numero che in passato ma ben più intrattabili e a minacce ai civili “sempre piu’ complesse e in evoluzione”, non basta piu’ proteggere con la semplice presenza di caschi blu sul terreno. Secondo il capo del Dpko dell’ONU Herve Ladsous, il peacekeeping deve abbracciare un ethos di “protezione proattiva” nello spirito di una reazione diretta e incisiva delle forze di pace alle nuove minacce. L’esempio e’ quello del Congo con la campagna intrapresa dalla missione Monusco per neutralizzare gruppi armati nell’est del paese utilizzando ogni nuovo tipo di capacita’, equipaggiamenti modificati e nuove tecnologie: “Introducendo in Congo gli aerei senza pilota abbiamo mostrato che siamo capaci di modernizzarci e usare le ultime tecnologie per monitorare i movimenti di gruppi armati e meglio proteggere una popolazione vulnerabile”.

Ladsous ha parlato alla Brookings di Washington, uno dei piu’ importanti think tank della capitale americana. L’uso dei droni della Selex Es e della Brigata di Rapido Intervento in Congo sono stati tra gli esempi portati dal capo del Dpko per dimostrare la volontà di innovare e cercare soluzioni creative. Serve tuttavia secondo Ladsous uno sforzo più sistemico e collettivo per rafforzare ulteriormente il peacekeeping del futuro: “Non e’ solo una questione di capacita’. Occorre un cambio di mentalità tra tutti gli stati membri che partecipano al peacekeeping, sia che siano contributori di truppe e di forze di polizia, che stati membri del Consigliio di Sicurezza. Perché la ‘protezione proattiva’ funzioni gli Stati Membri devono essere della stessa opinione nell’appoggio di queste attività, il regime finanziario sotto cui sono messe in campo e l’importanza di adottare un atteggiamento innovativo e robusto nell’esecuzione del peacekeeping sul terreno.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts