Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Malattie non trasmissibili: Italia, non demonizzare ingredienti

NEW YORK – Nel dibattito sulle malattie non trasmissibili non bisogna demonizzare alcuni singoli ingredienti.  Dal dibattito dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite e’ emerso un approccio in linea con l’idea italiana di prevenzione: la lotta alle Non Communicable Diseases (NCD nell’acronimo dell’ONU) va fatta in modo multidisciplinare e con multisettorialita’ di interventi. Lo ha detto Sabrina de Camillis, consulente del ministro della Salute Beatrice Lorenzin che ha guidato la delegazione italiana al dibattito al Palazzo di Vetro.

“Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha detto fin dall’inizio che il suo obiettivo e’ di creare condizioni per una popolazione ‘in salute'”, ha detto la De Camillis, in una conferenza stampa presso la Rappresnetanza Permanente d’Italia all’ONU dopo il suo intervento in Assemblea. A suo parere la prevenzione dell’obesità’ e di malattie potenzialmente killer come diabete, cancro, ictus “non la si fa demonizzando singoli ingredienti” ma attraverso una prevenzione “che renda protagonista il cittadino con una politica di chiara comunicazione in cui siano coinvolti privati e società civile”.

Secondo l’Oms l’80 per cento delle NCD potrebbero essere aggredibili, perfino un terzo dei tumori potrebbero essere evitati, ha detto Giuseppe Ruocco, direttore generale della prevenzione al Ministero della salute.  L’Italia adesso ha a disposizione un piano di azione quinquennale (2014-2018) imperniato su quattro pilastri: lotta alla sedentarieta’, no al fumo, consumo contenuto di alcolici e una alimentazione bilanciata. Essenziale a questo proposito e’ il ruolo della scuola, sempre nella consapevolezza che “la prevenzione non passa per i numeri dei profili nutrizionali e delle tassazioni su singoli prodotti”, ha aggiunto la De Camillis: “Quando si parla del benessere dei cittadini le decisioni non devono essere basate su parole o mode, ma su dati scientifici concreti”.

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts