Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Dopo Ban Ki moon: per i bookie al suo posto Helen Clark

ROMA – Dopo Ban Ki moon: il suo secondo mandato scadrà solo nel 2017, ma è già cominciato il totonome per chi succederà al suo posto. Sulla lavagna di Paddy Power – informa Agipronews –  il primo nome di segretario generale dell’Onu in pectore è quello di Helen Clark, ex primo ministro neozelandese, bancata a 2,75 e seguita dall’ex ministro degli Esteri slovacco Ján Kubiš a 3,50. L’ex presidente sloveno Danilo Türk (a 4,00) è tallonato dall’attuale ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajčák a 4,33, con la bulgara Irina Bokova – direttore generale dell’Unesco – che insegue a 5,50. Missione quasi impossibile per l’australiano Kevin Rudd (a 17,00) e per l’irlandese Mary Robinson (a 21,00).

63 anni, per nove premier a Wellington, la Clark guida da cinque anni il programma dell’Onu per lo sviluppo (Undp) e il suo nome e’ stato fatto nei mesi scorsi anche dal Guardian. “Una progressista dallo stile Margaret Thatcher”, aveva commentato il quotidiano britannico, anche se, a differenza della “Iron Lady”, la Clark ha sempre spinto per una maggiore partecipazione femminile in politica tant’e’ che, quando nel 2008 ha lasciato il posto di premier, gran parte degli snodi chiave del governo erano occupati da donne.

Secondo la Carta dell’Onu i candidati a segretario generale devono essere presentati da gruppi regionali e non da singoli paesi. A differenza degli altri blocchi (Europa Occidentale e altri o Weog, America Latina e gruppo Caribico, gruppo Asia-Pacifico, gruppo Africano), l’Europa Orientale non ha mai espresso un segretario generale e in teoria la piu’ alta carica dell’organizzazione mondiale per la pace dovrebbe andare a un esponente dell’Est Europa. Il problema e’ gli europei dell’est hanno gia’ messo in pista molti nomi, di conseguenza arriveranno al voto divisi.

Tra i litiganti potrebbe prevalere un nome esterno, ed ecco dunque la carta Clark, avvantaggiata dal suo attuale lavoro e il fatto che la Nuova Zelanda fa parte del Weog, un gruppo regionale che non esprime un segretario generale dai tempi di Kurt Waldheim negli anni Settanta.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts