Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Gaza e Libia: sabato Renzi al Cairo

ROMA – Davanti all’escalation delle armi a Gaza Matteo Renzi va sabato in Egitto perche’ la proposta egiziana e’ “l’unica carta” da giocare in questi giorni. Il premier italiano incontrera’ il presidente al-Sisi ed il premier Mahlab, convinto della necessità di sostenere la proposta di mediazione che, al momento, resta l’unica sul tavolo.

“Non ci sono alternative alla proposta egiziana”, ha detto il presidente del Consiglio allaDirezione Pd auspicando per l’Italia un ruolo di primo piano. Renzi e’ il primo, tra i leader occidentali, ad andare in Egitto  dopo l’arrivo di Sisi. Ci arriva anche come presidente di turno dell’Ue e non è escluso che tra i suoi obiettivi ci sia anche quello di porre l’Italia come ‘mediatore tra i mediatori’. Lo ha lasciato intendere oggi dal ministro degli Esteri Federica Mogherini: “Renzi dopodomani sarà al Cairo”, io “ho parlato con i colleghi degli Emirati, della Turchia e del Qatar” e presto lo “farò anche con l’Arabia Saudita”. Perché, ha spiegato il capo della diplomazia, “abbiamo “bisogno di lavorare insieme ai grandi Paesi della regione: ognuno ha un’influenza diversa su parti diverse in tutti gli scenari, ed è bene coordinare gli sforzi per evitare che la situazione degeneri ulteriormente”.

L’agenda di Renzi al Cairo non e’ pero’ solo Gaza, c’e’ anche la Libia col rischio e’ di un paese vicino a sprofondare in una “sanguinosa guerra civile”. Dagli scontri in Libia “difficilmente potra’ emergere un vincitore che possa governare. L’esito se si proseguisse su questa strada è di trascinare il Paese in una sanguinosa guerra civile”, ha detto il ministro Federica Mogherini, durante l’audizione oggi in commissione affari esteri del Senato.

E’ necessario che lo scontro si sposti “dal piano militare al piano politico-istituzionale dentro il Parlamento, con dinamiche libiche ma anche assistenza internazionale”, ha detto la Mogherini, e che il nuovo parlamento si riunisca entro la data prevista “del 4 agosto a Tobruk anche se è in discussione un’eventuale anticipazione al 2 agosto”. Fino ad allora “e’ probabile che gli scontri militari proseguano perche’ entrambe le parti mirano a rafforzare la propria posizione negoziale”.

E in Libia intanto l’ambasciata italiana è tra le pochissime rimaste aperte a Tripoli insieme a quelle di Regno Unito, Malta, Romania e Ungheria, mentre la delegazione dell’Ue in Libia si sta trasferendo in Tunisia in queste ore.

Mogherini ha espresso la gratitudine del governo all’ambasciatore italiano e Inviato speciale dell’Italia per la Libia Giuseppe Buccino Grimaldi anche per la richiesta di evitare ulteriori violenze che ancora in queste ore sta rivolgendo, in incontri riservati, a tutti gli attori locali.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Cinque neonati a Gaza: Unicef saluta tregua | OnuItalia

Comments are closed.