Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Iraq: Ue, “azione comune” a Consiglio di Ferragosto

BRUXELLES – Ferragosto “europeo” per Federica Mogherini: l’Unione  scende in campo oggi per portare la propria solidarietà al governo di Baghdad ed ai curdi di Erbil, ed individuare “un’azione comune coordinata”, come ha evidenziato alla vigilia la titolare della Farnesina, presidente di turno della Ue e grande promotrice del consiglio Esteri straordinario assieme al collega francese Laurent Fabius, in parrticoloare sulla questione delle armi ai curdi.

Sulle armi ai curdi “serve una discussione ed una posizione unica dell’Ue, per noi è importante che possa avvenire in una cornice Ue. I curdi in questo momento hanno bisogno di sostegno, dobbiamo trovare le forme corrette per farlo, col coinvolgimento diretto del governo di Baghdad”, ha detto il ministro Mogherini al suo arrivo a Bruxelles.

Con la partecipazione di una ventina di ministri, la riunione si occuperà’ anche di Gaza e Libia, ma sull’Iraq ha un doppio binario: da un lato gli aiuti umanitari, col sostegno finanziario alle organizzazioni sul terreno, e la priorità di contribuire al salvataggio degli yazidi rimasti isolati sulle montagne di Sinjar. Dall’altro, la questione più controversa del trasferimento di armi nel quadro di un coordinamento europeo ai peshmerga curdi che lottano contro i jihadisti dello Stato islamico (Isis).

Sul fronte umanitario l’Italia ha annunciato ieri di aver dato il via ad un ponte aereo, con 6 voli, per la distribuzione di aiuti aereo C130J dell’Aeronautica Militare, l’equipaggio e specialisti dell’Esercito, attraverso l’Unicef, nel nord dell’Iraq. “La nostra preoccupazione, che ci sembra condivisa da tutte le forze politiche, è soccorrere i civili e proteggere le comunità cristiane e yazide”, hanno sottolineato la Mogherini e la collega della Difesa Roberta Pinotti.

La strada per il trasferimento di armi alle autorità di Baghdad è già stata aperta dal documento emerso dalla riunione
degli ambasciatori del Comitato politico straordinario (Cops) di martedì, e che ieri è tornato ad incontrarsi. Tra i punti che devono essere presi in considerazione le condizioni previste dall’embargo all’Iraq (in vigore dal 2001) e il Codice di condotta Ue sulle esportazioni di armi.  Il Consiglio potrebbe inoltre decidere di condurre colloqui con i Paesi vicini all’Iraq, dal Libano all’Iran, dall’ Arabia Saudita agli altri Paesi del Golfo, ma anche Giordania, Turchia, Egitto, sia per uno scambio di informazioni sull’Isis, sia per un’eventuale azione comune. (15 agosto 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts