Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Libia: Consiglio Sicurezza rafforza sanzioni, embargo armi

NEW YORK – Libia in agenda oggi in Consiglio di Sicurezza: i Quindici hanno adottato all’unanimità che inasprisce le sanzioni contro chi ostacola o mette in pericolo il processo di transizione  politica del Paese e rafforza le misure sull’embargo delle armi. La bozza, co-sponsorizzata dall’Italia, era stata fatta circolare il 22 agosto dalla presidenza britannica ed e’ arrivata al voto dopo due round di negoziati.

La risoluzione 2174 rappresenta il primo atto pubblico del Consiglio sulla Libia dal 19 marzo. A dispetto dell’escalation della violenza e l’ingresso in gioco di nuovi players inclusi i raid aerei di caccia degli Emirati partiti da basi egiziane dei giorni scorsi, finora i Quindici si erano limitati a incrementare la frequenza delle riunioni e ad alcune dichiarazioni alla stampa. Il documento decide che la fornitura di armi e munizini e pezzi di ricambio alla Libia debba essere approvata preventivamente dal Comitato delle Sanzioni. Il Comitato si riunirà la prossima settimana per decidere quali individui verranno presi di mira dalle nuove misure.

Il voto e’ arrivato sullo sfondo di una nuova richiesta all’Onu della Libia di completare la sua missione e estendere il suo sostegno agli sforzi tesi al ritorno della pace e della sicurezza nel Paese e di un rinnovato pressing occidentale per misure più; incisive anche alla luce della tragedia dell’immigrazione nel Mediterraneo. “Chiederemo al Consiglio di aiutarci a riportare l’ordine dal momento che la Libia e’ tuttora sotto il capitolo Sette della carta dell’Onu”, ha detto il ministro degli esteri Mohamed Abdulaziz a un giornale saudita.

Dopo l’adozione della risoluzione e’ l’inviato speciale per la Libia Tareq Mitri, che lascera’ il posto al successore, lo spagnolo Bernardino Leon, il primo settembre, ha presentato una informativa al Consiglio di Sicurezza. (27 agosto 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts