Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Pena di morte: Lockett morto di veleni, non infarto

NEW YORK – Clayton Lockett, il detenuto del’Oklahoma morto in aprile sul lettino dell’iniezione letale dopo un’agonia di 43 minuti, non e’ rimasto vittima di un infarto, come si e’ detto allora, ma del cocktail dei “veleni di stato” che con estrema difficoltà il boia era finalmente riuscito a mettergli in vena. Lo si e’ appreso dall’autopsia ufficiale condotta due giorni dopo l’esecuzione, da cui risulta anche che gli addetti alla camera della morte tentarono ripetutamente di trovare un punto di accesso per le flebo dell’iniezione killer sul corpo del condannato.

Causa della morte, nel dossier del coroner, “esecuzione giudiziaria per iniezione letale”.  Lockett era stato condannato a morte per lo stupro e l’assassinio di una ragazza. L’iniezione letale nel suo caso e’ stata un cocktail di tre sostanze: midazolam, bromuro di veruconio e cloruro di potassio.

Il rapporto, firmato dal Southwestern Institute of Forensic Sciences, il laboratorio di medicina legale della contea di Dallas in Texas, sottolinea anche l’ostinazione con cui il boia dell’Oklahoma aveva cercato di portare a termine il su compito: sul cadavere di Lockett sono state riscontrati i segni di 16 tentativi di iniezione, sulle braccia, l’inguine, il torace, il collo, i piedi.

Un quadro più completo di cosa e’ andato storto quel 29 aprile si sapra’ a breve, quando sara’ pubblicato il risultato dell’inchiesta ordinata dal governatore Mary Fallin: dovrebbe arrivare nei prossimi giorni per consentire di formulare raccomandazioni in vista della prossima esecuzione in programma il 13 novembre.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Comment on Pena di morte: Lockett morto di veleni, non infarto

  1. corrado // 30/08/2014 at 2:27 am //

    In primis sono contrario alla pena capitale,però vorrei sapere perché
    quando le condanne avvengono in altri posti del mondo si scatena una
    mobilitazione generale,se avvengono negli USA,silenzio assoluto.

Comments are closed.