Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Isis: Italia nella Coalizione dei Dieci per combatterla

NEWPORT (GALLES) – Una task force multinazionale per combattere l’Isis e bloccare il flusso di combattenti stranieri che arrivano in Siria e da lì approdano in Iraq: è una delle decisioni prese al summit della Nato in Galles. L’Italia ne fa parte – ha annunciato il premier Matteo Renzi – assieme a Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Australia, Germania, Canada, Turchia, Danimarca e Polonia, i Paesi che hanno preso parte a una riunione presieduta dal segretario di Stato John Kerry e dal collega britannico Philip Hammond con il capo del Pentagono Chuck Hagel e in ministro della difesa del Regno Unito Michael Fallon.

“Abbiamo la capacita’ di distruggere l’Isis. Ci potra’ volere un anno, due anni, forse tre. Ma siamo determinati a che succeda”, ha detto Kerry. Non ci sara’ impegno diretto di truppe. Su questo il capo della diplomazia Usa e’ stato chiaro: “E’ la linea rossa per tutti qui: no boots on the ground”.

La minaccia dell’Isis non era ufficialmente in agenda del vertice Nato ma se ne e’ parlato molto negli incontri informali ai margini. “Degradare e distruggere” e’ la parola d’ordine per assicurare che l’Isis non possa più minacciare l’Iraq, la regione, il mondo”, ha detto il segretario di Stato americano. La coalizione – si legge in un comunicato di Kerry e Hagel – dovrà dare sostegno militare all’Iraq, contrastare le forme di finanziamento dell’Isis, affrontare le crisi umanitarie e delegittimare l’ideologia del “califfato” islamico”.

Nel comunicato Kerry e Hagel affermano che “i combattenti stranieri rappresentano una grave minaccia per gli alleati della Nato”. La coalizione “lavorerà di concerto per annullare ogni fonte di entrata per l’Isis, anche sul fronte del commercio dei prodotti petroliferi. E – si legge ancora nella nota – riterremo responsabili tutti coloro che violeranno i divieti internazionali su tale commercio”.

I combattenti stranieri in Iraq e Siria saranno al centro di una sessione speciale del Consiglio di Sicurezza presieduta dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama ai margini della prossima Assemblea Generale dell’Onu. L’obiettivo e’ che la coalizione sia in piedi per quella data.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Isis: Mogherini, coalizione in ambito Onu | OnuItalia

Comments are closed.