Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Spose bambine: Italia organizza evento Assemblea Generale

NEW YORK – L’Italia dalla parte delle spose bambine: vittime di una violazione dei diritti umani che  ne limita l’istruzione delle giovanissime donne e provoca danni alla loro salute fisica e emotiva. E’ una priorita’ dell’agenda italiana all’Onu, come e’ stato sottolineato dalla Rappresentanza Permanente alle Nazioni Unite nel corso di un evento ad hoc organizzato al Palazzo di Vetro. L’Italia organizzera’ su questo tema un evento di alto livello il prossimo 22 settembre, a margine dei lavori dell’Assemblea Generale Onu.

“Tutti siamo chiamati a individuare la strada da intraprendere per porre fine a tali unioni. Lo stesso approccio inclusivo tra Stati membri, Nazioni Unite e societa’ civile, gia’ portato avanti nella battaglia alle mutilazioni genitali femminili, può portare a buoni risultati sui matrimoni precoci e forzati negli anni a venire”, ha indicato la Rappresentanza italiana.

matrimoni precoci e spesso forzati trovano profonde radici negli squilibri di potere tra donne e uomini, in stereotipi e leggi che rispecchiano l’idea che la donna debba ricoprire un ruolo sociale e familiare subalterno, regolato da modelli patriarcali, sul consenso al controllo sociale sul corpo e sulle scelte sessuali delle donne. Tutto ciò rafforza il persistere di queste pratiche in molte comunità, dentro e fuori i paesi d’origine.

E’ un circolo vizioso: secondo frati 2013 nei Paesi in via di sviluppo una bambina ogni 3 si sposa prima dei 18 anni, 1 su 9 e costretta a sposarsi addirittura prima dei 15. Le bambine prive di istruzione hanno il triplo di probabilità in più di sposarsi prima dei 18 anni rispetto a quelle con livello di istruzione secondario o più alto. Nei 4 Paesi in cui i matrimoni precoci sono più diffusi – Niger, Chad, Bangladesh  e Guinea – oltre il 60% delle ragazzine prima dei 18 anni è sposata. Le figlie di madri giovani analfabete hanno la più altra probabilità di abbandonare la scuola, sposarsi giovani e ricadere nella povertà. (5 settembre 2014)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts