Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Ebola: Spallanzani, operativo laboratorio in Liberia

ROMA/NEW YORK – Il laboratorio mobile dell’ospedale Lazzaro Spallanzani inviato in Liberia nell’ambito del programma European Mobile Lab e’ diventato operativo. Il team, interamente finanziato dalla Commissione europea, e’ costituito da quattro operatori dello Spallanzani, piu’ un tedesco e un britannico, che da sabato hanno iniziato a lavorare “ed é per noi motivo di grande soddisfazione”, ha annunciato Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’ospedale romano, centro di riferimento per l’Ebola in Italia.

“I laboratori mobili – ha aggiunto Ippolito – sono gli unici che permettono di fare la diagnosi e isolare i pazienti, ovvero decidere se i pazienti devono continuare a essere isolati o devono essere dimessi, e tornare alla normalita’. Solo procedendo per centri concentrici, villaggio per villaggio identificando i positivi  sarà possibile fermare questa epidemia”.

Secondo Ippolito non ci sono rischi per l’Italia: “Il rischio di contagio é zero, o assolutamente vicino allo zero”. A giudizio del direttore dello Spallanzani “L’Italia ha la capacita di gestire eventuali casi – ha aggiunto – ma il grande lavoro va fatto in Africa, e le istituzioni italiane devono lavorare lì”.

“L’Oms ad agosto ha chiesto al governo italiano di inserire la struttura dello Spallanzani nella rete internazionale di contrasto dell’epidemia”, ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, nel corso di una visita all’ospedale. “Noi come Regione – ha aggiunto – siamo pronti a fare la nostra parte per sostenere questo salto di qualità, perché riteniamo lo Spallanzani un orgoglio per la nostra Regione e per il Paese”.

Nell’ambito della sanità’ italiana lo Spallanzani sulla via Portuense e’ all’avanguardia per gli studi su Ebola.  A fine luglio i suoi specialisti hanno contribuito a un dossier realizzato dall’ANSA che racconta l’”emergenza Ebola” scattata all’inizio dell’estate. Nei loro racconti i problemi, ma anche le soddisfazioni di un lavoro che può portare da un ospedale in centro a Roma alla foresta di Gueckedou nel giro di due giorni per un rimborso di 67 centesimi al giorno. ”Questo virus è particolarmente aggressivo – aveva spiegato all’ANSA Antonino Di Caro, team leader di una delle spedizioni italiane – e alcune ricerche sembrano aver dimostrato che era in circolazione già molto prima che l’epidemia diventasse di dominio pubblico, forse dal 2006”.

Secondo l’Oms nella settimana che si è conclusa il 14 settembre ci sono stati per la prima volta dall’inizio dell’epidemia più di 700 nuovi casi di Ebola in Africa. I casi totali sono stati 5335, con 2622 morti, e più di metà si sono verificati negli ultimi 21 giorni del conteggio iniziato lo scorso gennaio. L’emergenza Ebola sara’ al centro di un vertice a livello di capi di stato e di governo convocato dal segretario generale Ban Ki moon a New York il 25 settembre, durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. All’incontro dovrebbe partecipare anche il presidente americano Barack Obama. Ban vuole creare una coalizione per affrontare la diffusione del virus nei Paesi di origine, con una nuova missione in Africa occidentale per coordinare la lotta contro la malattia.  (18 settembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. Ebola: Italia, nostra esperienza biosicurezza e’ risorsa | OnuItalia

Comments are closed.