Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migrazioni: l’impatto economico in un workshop a Roma

ROMA – Nel 2016 le rimesse dei migranti verso i Paesi di origine ammonteranno a 660 miliardi di dollari: questa la stima del rapporto su Migrazione, Sviluppo e Diaspore di Migranti presentato alla Farnesina nel corso del  Worskhop Internazionale “Integrating Migration into Development: Diaspora as a Development Enabler” il 2 e il 3 ottobre. Il dato e’ di forte impatto economico e dimostra da una parte come la migrazione sia in realtà anche un prezioso strumento di sviluppo, dall’altra rivela il potenziale che le Diaspore possono esprimere nella realizzazione delle politiche di sviluppo rivolte ai propri paesi di origine.

Secondo lo studio “ogni nuovo migrante crea un nuovo posto di lavoro, quindi non è vero che viene rubato il lavoro ai cittadini dei paesi d’accoglienza”, ha detto Peter Sutherland, rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite per le migrazioni internazionali e lo sviluppo. “Nel 2016 – ha sottolineato Sutherland – si toccherà, secondo le stime, il picco record delle rimesse dei migranti verso i paesi d’origine, circa 660 miliardi di dollari (nel 2014 il flusso è stato pari a 436 mld). Per questo è importante ridurre le commissioni di trasferimento del denaro per favorire i paesi riceventi. A oggi le commissioni sono all’8 per cento, una percentuale che dovrebbe ridursi ulteriormente”. Posizione in linea con quella italiana: “E’ fondamentale incentivare le rimesse, L’iniziativa italiana di dimezzamento dei costi è buona prassi da seguire”, ha detto in conclusione il direttore generale per la Cooperazione allo Sviluppo del ministero degli Esteri, Giampaolo Cantini.

L’appuntamento è il risultato della collaborazione tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM), sotto l’egida della Presidenza italiana del Semestre europeo, e ha riunito rappresentanti di governi europei, mediorientali e africani, esperti e tecnici di migrazione e sviluppo, comprese le organizzazioni di migranti per valorizzare il ruolo della diaspora come volano di sviluppo nei paesi di origine e di destinazione.

I lavori sono stati aperti dal Segretario Generale della Farnesina, Ambasciatore Michele Valensise. Tra i relatori anche il Direttore Generale dell’OIM William Lacy Swing, ilRappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per le migrazioni internazionali e lo sviluppo e Nichi Vendola, nella veste di Presidente del Comitato delle Regioni dell’Unione Europea. (4 ottobre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts