Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Immigrazione: Orlando a Vienna contro traffico illegale

VIENNA – “Il grave fenomeno del traffico di migranti nel Mediterraneo richiede “una ferma e sistematica azione di contrasto, da conseguirsi prima di tutto attraverso una leale e costruttiva cooperazione giudiziaria e di polizia tra le Autorità di tutti i Paesi coinvolti dalle rotte di questo disumano traffico illegale”. Lo ha detto il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a Vienna per la VII Conferenza degli Stati Parte della Convenzione delle Nazioni Unite sul crimine organizzato transnazionale.

“E’ necessario allargare lo spettro della nostra cooperazione – a cominciare da un maggiore scambio di informazioni e dati tra le Autorità Giudiziarie e di polizia – nonché rafforzare i sistemi giudiziari di tutti i Paesi del Mediterraneo  e dell’Africa subsahariana”, ha detto Orlando, convinti che “la migliore base giuridica in questo contesto” è rappresentata dall’Untoc”, la Convenzione Onu contro la Criminalità Organizzata Transnazionale sottoscritta a Palermo nel dicembre 2000, della cui attuazione il rappresentante del governo italiano ha sollecitato la revisione.

“Avvertiamo l’urgenza – ha detto Orlando – di progredire verso una efficace revisione dell’attuazione della Convenzione di Palermo e dei suoi tre Protocolli. Ad oltre dieci anni dall’entrata in vigore dell’Untoc, manca purtroppo un quadro completo delle sfide e delle difficoltà da affrontare, che continuano ad ostacolare la piena applicazione, a livello nazionale e regionale, di questi strumenti giuridici. In questo quadro, invito caldamente tutti gli Stati Membri a considerare con favore e senso di responsabilità le proposte avanzate dal nostro Paese per individuare possibili soluzioni, ispirate al pragmatismo ed al buon senso”.

Nell’agenda viennese di Orlando c’e’ anche l’incontro con il capo dell’Unodc Yuri Fedotov: secondo il rappresentante del governo italiano, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine, “nel suo ruolo di Segretariato della Convenzione, svolge un ruolo fondamentale per la lotta al traffico di migranti, anche tramite le iniziative di assistenza tecnica”. (6 ottobre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts