Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Kobane: INTERSOS in prima linea per assistenza profughi

Intersos a Kobane

ROMA – Il dramma di Kobane. Lo staff INTERSOS, in queste ore, sta lavorando nel campo di Gawilan, nel Kurdistan iracheno, per assistere le migliaia di rifugiati in arrivo distribuendo aiuti alimentari.“Fino a poche settimane fa Gawilan ospitava circa 2.500 rifugiati siriani” racconta Mauro Celladin, operatore umanitario INTERSOS impegnato in questi giorni nell’intervento di assistenza ai rifugiati in Iraq, “adesso il numero dei rifugiati presenti è raddoppiato. Oltre 2.500 persone sono arrivate da Kobane negli ultimi giorni: sono intere famiglie fuggite dalle violenze, non hanno praticamente nulla con sé. Oggi abbiamo distribuito ad ogni famiglia razioni di cibo per un mese, 16,5 kg di beni alimentari ciascuno, ma non è sufficiente. Il numero dei rifugiati è drammaticamente in aumento e bisogna fare in fretta per garantire cibo, acqua, assistenza e servizi necessari alle migliaia di famiglie che adesso affollano il campo.”

La città siriana al confine con la Turchia e’ divenuta l’emblema della resistenza contro l’ISIS. Da oltre un mese sotto attacco, Kobane è stata nelle ultime settimane teatro di duri scontri tra le forze dell’esercito kurdo e i miliziani jihadisti dell’ISIS, in cui hanno perso la vita centinaia di persone. A migliaia stanno cercando di mettersi in salvo in Turchia e nel Kurdistan iracheno. Solo nell’ultima settimana, nel Governatorato di Dohuk, sono arrivati ogni giorno oltre 150 rifugiati siriani e se le violenze in corso a Kobane non cesseranno, si stima che nelle prossime settimane potrebbero riversarsi nel Kurdistan iracheno oltre 50.000 persone in stato di necessità.

Le famiglie in fuga verso il Kurdistan, per mettersi in salvo, affrontano un viaggio pericoloso e logorante di quasi 500 km: si viaggia a bordo di mezzi di fortuna e alcuni tratti vengono anche percorsi a piedi. Molte famiglie stanno fuggendo in Kurdistan perché lì hanno familiari e amici; la maggior parte arriva proprio nel campo di Gawilan, a 145 km da Dohuk.

Lo staff di INTERSOS, da settembre 2013, lavora nel Kurdistan iracheno, nell’area di Erbil, per portare assistenza e soccorso alle migliaia di rifugiati in fuga dal conflitto siriano. Da Giugno 2014, da quando l’avanzata dell’ISIS in Iraq sta provocando un numero sempre crescente di sfollati interni, lo staff di INTERSOS è impegnato nel Governatorato di Dohuk e nel Governatorato di Erbil per garantire protezione, servizi di assistenza e strutture scolastiche alle migliaia di sfollati nei campi e nelle aree urbane. (13 ottobre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts