Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Bertolucci in giuria: i premi ai giovani di Climate4Change

COPENAGHEN – Dieci giovani troupe e una giuria di vip del cinema guidata da un grande regista italiano: a poco più di un mese dal vertice all’Onu sul clima, Bernardo Bertolucci e i suoi colleghi tra cui Atom Egoyan e Wim Wenders hanno assegnato i premi di Climate4Change a cineasti in erba di dieci paesi per la realizzazione di documentari sul cambiamento climatico

“Non c’e’ dubbio che il climate change esiste”, ha detto Bertolucci che nella giuria e’ stato affiancato anche dalla vice-presidente della Banca Mondiale Rachel KyteTen: “Questi bravi giovani registi sono entrati in contatto con il loro pubblico in modo emotivo e potente per spiegare i pericoli di un clima impazzito”. “Dobbiamo agire adesso per proteggere il pianeta per le prossime generazioni”, ha detto a sua volta il presidente della Banca Mondiale Jim Yong Kim.

La competizione era stata lanciata un anno fa, a sovvenzionare i premi l’italiana Edison e la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo. “Ci ha meravigliato l’originalità delle storie e la sincera preoccupazione mostrata da questi giovani: hanno descritto gli effetti delle emissioni inquinanti sul clima da centinaia di punti di vista diversi. Scegliere i vincitori e’ stata una missione quasi impossibile”, ha aggiunto il regista del “Conformista” e  “Ultimo Tango a Parigi”.

I flm in concorso erano stati raggruppati in base all’eta’ dei partecipanti. Nella categoria 18-35 il primo premio da 15 mila dollari e’ andato al portoghese Gonçalo Tocha con il provocatorio  The Trail of a Tale, la storia di una lettera scritta dal futuro alla societa’ di oggi. Il bulgaro Dobrin Kashavelov ha vinto il secondo premio da 10 mila dollari con Global Warning, un documentario sugli effetti catastrofici sui sopravvissuti del tifone Haiyan nelle Filippine. Terzo classificato (5.000 dollari) l’americano Nathan Dappen per Snows of the Nile, sulla scomparsa dei ghiacciai delle montagne dell’Uganda.

Nella categoria dei giovanissimi (14-17 anni) il vincitore e’ stato The Violin Player, un cartone animato della giovane argentina Francina Ramos, seguito da Facing the Flood dello svizzero Constantin Huet sulle mutazioni del clima in Groenlandia e alle Maldive. Terzo classificato il georgiano Tura Tegerashivilias con It’s Easy if You Try. Tutti i vincitori riceveranno software e attrezzature per continure il loro lavoro.

Il premio speciale della giuria e’ andato a Balud di Panx Solajes, delle Filippine. Altri due premi sono stati assegnati a documentaristi che hanno usato storie locali per raccontare problemi dal profondo impatto ambientale: uno a Tinau della producer britannico/Kiribati Victoria Burns, l’altro a The Change, un ritratto degli effetti del cambiamento climatico sui giovani di una comunità’ lungo la costa del Vietnam firmato da Ha Uyen, Huong Tra, Quang Dung e Quang Phuc. Il premio popolare e’ andato ai brasiliani di  Pachamama sul global warming a San Paolo. (5 novembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts