Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

San Francesco all’Onu: Dolan, mostra e’ apripista per Papa

La foto testimonia una delle fasi più delicate del restauro che prevedeva il consolidamento localizzato di alcune zone del testo. Copyright © Laboratorio di Restauro dell'Abbazia di Praglia.

(Alessandra Baldini)

NEW YORK – “Grati per questa mostra. Che New York possa diventare una nuova Assisi, e sarebbe un grande miracolo”: il Cardinale arcivescovo di New York Timothy Dolan, al taglio del nastro della mostra dei manoscritti di San Francesco, arrivati, per la prima volta fuori d’Italia, al Palazzo di Vetro dell’Onu. Ed e’ inevitabile l’auspicio che si concretizzi, di qui al prossimo settembre, una visita di Papa Francesco a New York e all’Onu dopo la conferma della presenza del Pontefice al Meeting delle famiglie nel 2015 a Filadelfia. “Speriamo. Sarebbe un segno di speranza. Una spinta per la Chiesa cattolica qui e per l’intera America”, ha detto Dolan ai giornalisti: “Abbiamo tutti bisogno della semplicità di Assisi”.

photo-28Se per Dolan il Papa a New York, sulla scia del messaggio di San Francesco, ha una valenza unificante per il cattolicesimo americano, attraversato da incertezze e tensioni, il nunzio apostolico all’Onu Benedito Auza ha letto tra le righe dei codici miniati della piccola-grande mostra “Frate Francesco: Tracce, Parole, Immagini” una sintonia di pensiero con i valori universali di cui le Nazioni Unite si fanno portatrici: “Pace, sviluppo dei popoli sulla base della fratellanza, amore e cura dell’ambiente”. Senza questi valori, ha detto l’Osservatore Permanente della Santa Sede, “ci sono guerre e ingiustizie, nuove schiavitù e sfruttamento, disastri ambientali legatri al climate change”.

Ed e’ inevitabile l’auspicio di Auza: “Dal fiume Delaware (che attraversa Filadelfia), papa Francesco  passi all’East River” su cui si affaccia il Palazzo di Vetro. “Nel 1965 la Pieta’ di Michelangelo fece da apripista alla storica visita di Paolo Sesto all’Onu. Lui parlo’ dal podio dell’Assemblea Generale il 4 ottobre, nel giorno della festa di San Francesco. Ora si spera, e mi auguro, che, con questa mostra, sia il ‘Poverello’ a precedere quello che porta il suo nome”, ha detto Auza a OnuItalia.

nella foto Cristiano Ballan, Pierangelo Massetti, Alberto Benato, Gloria Biasin e Giada Liuzzo.

nella foto Cristiano Ballan, Pierangelo Massetti, Alberto Benato, Gloria Biasin e Giada Liuzzo.

Molti ambasciatori presenti, a lungo anche il siriano Bashar Ja-afari, all’inaugurazione della mostra che, tra i documenti esposti include anche il celebre codice Codice 338, una raccolta dei primi scritti e documenti relativi a san Francesco e all’Ordine dei Frati Minori, contenente il Cantico delle Creature, pietra miliare della spiritualità francescana e il vero punto di partenza della letteratura italiana. La vice-presidente della Camera Marina Sereni, che si trova a New York per i lavori di un Comitato dell’Unione Interparlamentare, ha sottolineato l’eredita’ morale, “così viva oggi nonostante venga da così lontano”, del lavoro di Francesco con i poveri, con mondi lontani (il viaggio nel sultanato d’Egitto), e con il monito all’uomo di godere e proteggere l’ambiente in cui vive. “Questi sono i temi del lavoro dell’Onu”, ha detto la Sereni che aveva inaugurato una versione della mostra a San Macuto con l’orgoglio di chi viene dalla regione, l’Umbria, che ha dato i natali al Santo di Assisi. Un Santo che, come ha sottolineato la Sereni, “non ha bisogno di esser  spiegato perche’ il suo messaggio non potrebbe essere più attuale”.

E sono infatti alti dignitari Onu venuti da terre lontane a accogliere al Palazzo di Vetro i 19 documenti che dopo la tappa all’Onu passeranno, dal 2 dicembre al 14 gennaio, alla Brooklyn Borough Hall: “San Fracesco e’ una figura monumentale dei nostri giorni”, ha detto il numero due dell’Onu Jan Eliasson, svedese: “Guidando con l’esempio ha cambiato la storia e i valori che predicava coincidono con quelli della Carta dell’Onu che, per coincidenza, e’ stata firmata quasi 70 anni fa, nel 2015, nella citta’,  San Francisco, che porta il suo nome”.  Una foresta di simboli. Ma anche per Sam Kutesa, ugandese e presidente dell’Assemblea Generale, il santo italiano ha qualcosa da insegnare: “E’ stato il primo ambientalista”, ha detto il ministro degli esteri di Kampala auspicando che il 2015 porti a un accordo tra stati per “un’agenda di sviluppo ispirata ai valori del francescanesimo”.

La mostra “Tracce, parole, immagini” e’ stata organizzata dall’Associazione Culturale Antiqua di Avezzano (Aquila) e dal centro di Documentazione Francescana presso la Biblioteca del Sacro Convento di Assisi grazie all’aiuto della Italian Academy Foundation di New York. I documenti, portati a New York dal Padre Custode Mauro Gambetti dopo esser stati sottoposti a restauro conservativo presso l’Abbazia benedettina di Praglia in provincia di Padova, vengono dal Sacro Convento e dal Comune di Assisi.  (17 novembre 2014)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts