Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

United Colors con Un Women: una donna “lapidata” di fiori

La campagna 2014

NEW YORK – Una donna “lapidata” con petali di fiore da un gruppo di uomini di tutte le razze: è questa l’immagine-simbolo, forte e spiazzante, della nuova campagna United Colors of Benetton, realizzata a supporto di UN Women per la Giornata internazionale dell’Onu per l’eliminazione della violenza contro le donne che si celebra ogni anno il 25 novembre.

La campagna realizzata dal direttore creativo di Fabrica, il centro di comunicazione del Gruppo Benetton, Erik Ravelo sceglie di ribaltare il cliché del “neanche con un fiore” per dire basta a ogni forma di discriminazione e sopruso, ricordando al mondo che le donne non devono più pagare con il disagio, la sofferenza o la vita, la scelta di essere se stesse e non quello che i loro partner, gli uomini, la religione o la società vorrebbero che fossero.

ban ki moon orange day“Sappiamo che la pandemia di violenza che colpisce una donna e una ragazza su tre può essere fermata. Ma non possiamo farlo da soli”, ha detto Phumzile Mlambo-Ngcuka, direttore esecutivo di UN Women dando il benvenuto al sostegno del gruppo di Treviso:  Abbiamo bisogno di partner che ci aiutino a sensibilizzare e promuovere una cultura della tolleranza zero nei confronti di questa pervasiva violazione dei diritti umani. Benetton è un partner. La sua campagna, lanciata in occasione della Giornata internazionale per porre fine alla violenza contro le donne (Day to End Violence against Women) sostiene i nostri sforzi globali”.

5457a9c52La campagna e’ la seconda in poche settimane realizzata dal cubano Ravelo e dai creativi di Fabrica a sostegno di campagne Onu dopo quella “I Belong” per combattere l’apolidia con UNHCR. L’anno scorso l’artista cubano, sempre per Un Women, aveva ribaltato i ruoli della Pieta’ di Michelangelo: Cristo con in braccio una Madonna esangue come a sottolineare” il sacrificio e la sofferenza di milioni di donne in tutto il mondo, sottoposte a violenze di ogni genere”. Stavolta Ravelo ha attinto all’iconografia delle lapidazioni che si trovano sul web, ma anche, per la centralità della donna, alle immagini dei grandi del Rinascimento: “Ho pensato a Leonardo”.

EVAWOrangeGrid_675x317Arancio, il colore dell’abito che indossa la ragazza “lapidata di fiori”, e’ un colore simbolo: l’Onu l’ha scelto per immaginare un mondo senza violenza nei confronti delle donne. Ed ecco dunque,  a partire dall’Empire State Building e dal palazzo dell’Onu illuminati all’unisono al tramonto, il progetto di colorare di arancio il proprio quartiere che contrassegna quest’anno gli Orange Days (16 giorni di mobilitazione che si concluderanno il 10 dicembre nella Giornata Onu per i Diritti Umani): l’iniziativa di UN Women si ricorrerà in tutto il mondo, dal Kosovo alla Cambogia, dall’India al Messico e alla Striscia di Gaza. Sull’Empire, faro di un movimento “arancione” nello skyline più famoso del mondo, Ban Ki moon ha invitato uomini e donne a “un cambio di mentalità”, perche’ “i diritti delle donne non sono solo un affare delle donne. Uomini e ragazzi stanno finalmente assumendo il loro ruolo di partner in questa battaglia”.

Per Benetton e’ stata anche l’occasione di aprire la piattaforma digitale unhatenews.com (risultato di una collaborazione con il DPI, United Nations Department of Public Information) ai contributi di giovani di tutto il mondo tra i 18 e i 30 anni, che potranno proporvi “buone notizie” che vorrebbero trasformate in realtà’ nel quadro dell’agenda di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite post 2015 (cosiddetta “MDGs and post-2015 Development Agenda”): ambiente, la lotta al terrorismo, costruzione della democrazia, i diritti umani, con un focus sui diritti delle donne. Tra le 100 notizie più cliccate, dieci saranno scelte da UNHATE Foundation coerentemente con la mission della Fondazione e trasformate, in collaborazione con UNDPI, in progetti sostenibili, da realizzare concretamente nel 2015. (24 novembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts