Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Pena di morte: Milano aderisce a Citta’ per la Vita

(Alessandra Baldini)

MILANO – Milano ha aderito alla Giornata Mondiale delle Città Contro la Pena di Morte ricordando i 250 anni quest’anno di “Dei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria. Domenica 30 novembre dalle ore 19 le parole del giurista e filosofo saranno lette in piazza San Lorenzo alle Colonne, in occasione dell’evento Reading for Life promosso dalla Comunità di Sant’Egidio.

beccaria_32059_lgInsieme al testo di Beccaria, quel “piccolo saggio che ha rivoluzionato la legislazione giudiziaria dei suoi tempi, dove il celebre giurista e filosofo si schierò contro la disumanità e l’inutilità della pena capitale affermando che la pena dovesse avere principalmente una funzione rieducativa”, come ricorda la Comunità di Sant’Egidio, saranno letti brani di grandi scrittori che hanno detto no alla pena capitale: da Camus a Dostoevskij, Bobbio, Wilde e Manzoni che di Beccaria fu il genero avendone sposato la figlia Giulia; e ancora, lettere di condannati a morte dal mondo, testimonianze e ricordi di attivisti che lavorano per la moratoria. Tra i lettori, nel centro di Milano, a due passi dalla “colonna infame” e nel cuore di una città che, come sottolineano i promotori, ha saputo trovare le parole per affermare che vendetta non è sinonimo di giustizia e che uno stato che non uccide è uno stato più equo e più forte”, ci sarà l’attore e autore teatrale Moni Ovadia.

Milano e’ la patria di Beccaria. Ma c’e’ anche Firenze in prima linea nella giornata contro la pena di morte. Il 30 novembre e’ stata scelta come data mondiale contro le esecuzioni perche’ nel 1786 in quella data la pena capitale fu abolita nel Granducato di Toscana. La giornata e’ segnata da iniziative di vario tipo e dall’illuminazione di edifici pubblici o monumenti, a partire dal Colosseo a Roma, per ribadire simbolicamente l’impegno della città nell’affermare il valore della vita e l’opposizione alla pena di morte.

Palazzo-Farnese-illuminato-contro-la-pena-di-Morte-per-Amnesty-International-3Oltre 1.900 citta’ del mondo si sono dichiarate Citta’ per la Vita. E mille iniziative sono in programma ovunque a partire da oggi, quando alle 18 italiane, Mario Marazziti, portavoce di Sant’Egidio e presidente della Commissione Diritti Umani di Montecitorio, legge le pagine di Beccaria alla radio. A Napoli il 30 novembre verrà illuminato il Maschio Angioino mentre nella Casa Circondariale “Giuseppe Salvia Poggioreale” ha reso testimonianza Curtis McCarty, che ha trascorso 21 anni nel braccio della morte prima di essere riconosciuto innocente. A Piacenza, grazie a una collaborazione con l’Enel, Palazzo Farnese sara’ illuminato di rosso fino all’8 dicembre. In Toscana, la patria della prima abolizione della pena di morte, il territorio fiorentino in questi anni ha registrato finora ben 32 adesioni su 42 Comuni. In prima fila il Comune di Firenze, che ha rinnovato l’adesione come anche Bagno a Ripoli, Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Caparia e Limite, Castelfiorentino, Poggibonsi, Pontassieve, Scarperia-San Piero a Sieve, Vaglia. Ha aderito anche la Provincia di Firenze.

“Dei Delitti e delle Pene” registro’ all’epoca un successo che oggi si definirebbe planetario: grande eco in Italia, un’influenza sui Founding Fathers negli Stati Uniti e sulla costituzione napoleonica in Francia. Beccaria,  uno dei maggiori esponenti dell’Illuminismo e del liberalismo italiano,  “ha influenzato in modo determinante lo sviluppo della cultura e della scienza penalistica europea, segnando una tappa fondamentale nel cammino verso lo stato di diritto”,  ha detto, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel messaggio inviato al Seminario internazionale organizzato da Aspen Institute Italia e dall’Istituto della Enciclopedia Italiana in occasione dei 250 anni del trattato.  (28 novembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts