Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Onu a Vienna: Beccaria ispirazione campagne moratoria

VIENNA – Il contributo dato dalle idee del Beccaria alla redazione di nuovi codici penali in gran parte dell’Europa e quale fonte di ispirazione  della campagna italiana per la moratoria dell’uso della pena di morte in vista della sua totale abolizione: ne ha parlato il Rappresentante Permanente all’Onu di Vienna Filippo Formica  inaugurando la tavola rotonda su “Cesare Beccaria’s “On Crimes and Punishments”, a treatise that shaped the European identity towards the abolition of the death penalty”, organizzata dalla Rappresentanza Permanente d’Italia nel quadro delle iniziative promosse nel semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea.

La discussione, alla quale ha assistito un pubblico molto numeroso, ha preso le mosse da una vasta panoramica dei rapporti culturali ed economici tra la Penisola e l’Austria nel secolo dei lumi per illustrare l’opera del Beccaria e sottolinearne il contributo alla creazione della moderna scienza del diritto penale, nonché, più in particolare, alla presa di coscienza universale contro la pena di morte. Nel suo intervento l’ex presidente del Consiglio Giuliano Amato ha ricordato il contesto storico particolarmente fecondo del settecento milanese ed italiano in cui Beccaria visse e concepì “Dei Delitti e delle Pene”, soffermandosi sull’attualità delle sue posizioni, filosofiche oltre che giuridiche, contro la tortura e la pena di morte. Amato ha messo in luce il ruolo del Beccaria nel processo che ha portato all’affermazione del valore e della dignità della persona umana e, in definitiva, dei diritti fondamentali.

L’italianista Alfred Noe, titolare della cattedra di filologia romanza dell’Università di Vienna, ha illustrato il ruolo degli illuministi italiani in Austria e soprattutto a Vienna, spiegando l’importanza ed il peso che essi ebbero non solo nel più noto contesto culturale della città, ma anche nella organizzazione e la gestione dello Stato, mentre Manfred Nowak, già Special Rapporteur delle Nazioni Unite sulla tortura, ha esaminato le fonti del diritto internazionale in materia di pena di morte e ha quindi passato in rassegna gli ordinamenti che tuttora contemplano la pena capitale per analizzare le ragioni storiche e politiche che ancora incidono sulle scelte dei Paesi ritenzionisti.  Particolarmente apprezzato, in chiusura d’intervento, il riferimento alla campagna per la moratoria delle esecuzioni promossa dall’Italia in seno alle Nazioni Unite.
(2 dicembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts