Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Teatro Regio a NY: Fassino, celebra impegno Italia all’Onu

Noseda, test profilo internazionale cultura italiana

(di Alessandra Baldini)

NEW YORK – Dopo i successi di Toronto, Ann Arbor e Chicago, il Regio di Torino arriva a New York: Carnegie Hall, Eataly e lunedì’ 8 dicembre al Palazzo di Vetro per celebrare il 60esimo anniversario dell’ingresso del’Italia all’Onu nel 2015. Ha raggiunto l’orchestra nella Grande Mela il sindaco Piero Fassino: “Il concerto dell’ONU poi consentirà di celebrare nel modo più alto e visibile l’impegno dell’Italia a sostegno delle Nazioni Unite e del suo ruolo nella vita internazionale”, ha detto Fassino secondo cui “la tournée americana è una vetrina di straordinaria importanza per il Regio che così consolida ed espande sempre più la sua proiezione internazionale e il suo riconoscimento come grande eccellenza lirica”.

imagesL’evento all’Onu celebra anche la conclusione del semestre italiano di presidenza Ue. Sul podio, il 50enne Gianandrea Noseda, reduce da un braccio di ferro di mesi con il soprintendente Walter Vergano che si e’ risolto ai primi di ottobre, alla vigilia dell’inaugurazone della stagione lirica. Intervistato dal New York Times all’esordio della tournée nel Nuovo Mondo, Noseda ha ammesso che “la tentazione di emigrare e’ molto forte, ma io continuo a credere e voglio fortemente credere nell’Italia, e nel fatto che possa portare avanti una sorta di rinascita in termini di bellezza”.

Dal 2010 il Regio è stato protagonista di 17 tournée all’estero in 24 città. A Toronto, Ann Arbor e Chicago l’orchestra e’ stata accolta con standing ovations. La scelta dell’impegnativa partitura del “Guglielmo Tell” rossiniano “riflette il desiderio del direttore di esibire la nuova statura internazionale dell’orchestra”, ha scritto il Chicago Tribune, secondo cui Noseda “voleva chiaramente rassicurare il pubblico che la cultura italiana e’ viva e in salute, a dispetto dei profondi tagli nei finanziamenti alle arti e altre crisi che hanno di recente indotto altri maestri a lasciare il loro teatro”. In settembre Riccardo Muti ha lasciato l’Opera di Roma, mentre negli stessi giorni Nicola Luisotti si e’ dimesso dal San Carlo di Napoli citando simili frustrazioni originate dalle riduzioni ai sussidi governativi alla lirica. Noseda e’ rimasto.

Portare in tournee un’orchestra di 88 persone, un coro di 80 e 11 solisti costa caro: nel caso del Regio il viaggio americano ha avuto un cartellino del prezzo di 1,5 milioni di dollari, secondo il rappresentante del teatro torinese negli Usa, in buona parte raccolti dallo stesso Noseda attraverso i suoi contatti personali con aziende italiane e americane tra cui Fiat, Maserati, Eataly, Lavazza, Eni e Barilla America.

Il “Guglielmo Tell” e’ raramente rappresentato in forma operistica: la performance di circa quattro ore (inclusi due intervalli) e’ particolarmente impegnativa per gli interpreti, ed e’ la prima volta che un teatro dell’opera la porta in tournee in Nord America. Il milanese Noseda, sul podio del Regio dal 2007, ha detto di averla scelta anche come test del nuovo status internazionale raggiunto dalla compagine torinese. “E’ un progetto che e’ molto caro al mio cuore: portarlo in giro e’ un mio dovere verso l’Italia in un momento difficile della sua storia per mostrare come possiamo essere bravi quando mettiamo assieme sforzi e talenti”.  (6 dicembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts