Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

#Imagine: per Capodanno mondo canta per diritti bambini

NEW YORK – “Imagine” con John Lennon un mondo di pace e diritti umani per tutti e soprattutto per i bambini. Nella notte di Capodanno, “Imagine” di John Lennon, inno universale alla speranza, e’ al centro dei festeggiamenti nelle capitali di diversi continenti. Da Katy Perry a Samantha Cristoforetti dalla stazione spaziale internazionale, il brano viene eseguito dal vivo nella notte di New York, Londra, Rio de Janeiro e Città del Capo, con la partecipazione di artisti e di bambini e ragazzi: giovani artisti alla tastiera di pianoforti a coda bianchi, come fece Lennon nel celebre videoclip del 1971.

Yoko Ono per Unicef, sogniamo con John un mondo per i bambini

Yoko Ono per Unicef, sogniamo con John un mondo per i bambini

L’iniziativa #IMAGINE, e’ stata lanciata dall’UNICEF lo scorso 20 novembre a New York,  in occasione dei 25 anni della Convenzione per i diritti del fanciullo: avevano preso parte all’evento, sponsorizzato dall’Italia nell’aula dell’Assemblea Generale, la vedova di Lennon, Yoko Ono, Hugh Jackman, il dj David Guetta e David Arquette. “Facciamo in modo che per i bambini di domani ‘il mondo sarà come uno solo'”, aveva spiegato il rappresentante della missione italiana all’Onu, l’ambasciatore Sebastiano Cardi, prendendo a prestito le parole di Lennon. “Alzare la voce con l’Unicef”, questo il titolo dell’appuntamento al Palazzo di Vetro, significa anche intraprendere azioni concrete per l’infanzia del mondo, contro la miseria, violenze e abusi, l’impatto dei cambiamenti climatici e in generale tutte le barriere che ostacolano il raggiungimento del pieno potenziale in ogni bambino e bambina.

th250x250_Samantha_singing_ImagineGuetta ha creato anche la versione globale di “Imagine”con star della musica internazionale come Katy Perry e Angélique Kidjo, stelle dello sport quali il cestista spagnolo Pau Gasol e la campionessa sudcoreana di pattinaggio Yuna Kim, il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon e il direttore dell’UNICEF Anthony Lake. In video l’astronauta dell’ESA Samantha Cristoforetti, prima donna italiana ad andare nello spazio, che e’ anche testimonial per la campagna UNICEF di lotta alla malnutrizione infantile #impresastraordinaria. “Imagine è un messaggio di pace, speranza e unità”, spiega Guetta. La versione “karaoke” del video sarà disponibile sulla piattaforma interattiva touchcast.com/imagine: “Abbiamo chiesto a tutti di unirsi a questa iniziativa, perché ogni bambino conta. E conta anche ogni voce”.

#IMAGINE si unisce a “action/2015”, la coalizione globale composta da circa 1.000 organizzazioni che si pone l’obiettivo di influenzare i leader degli Stati e l’opinione pubblica in occasione dei grandi summit mondiali che costelleranno il 2015: la Conferenza internazionale sul finanziamento dello sviluppo (Addis Abeba, luglio 2015), l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (New York, settembre 2015) nel corso della quale saranno fissati i nuovi Obiettivi di sviluppo di qui al 2030, e il Summit ONU sui mutamenti climatici (Parigi, dicembre 2015).

«Dobbiamo immaginare un futuro migliore per ogni bambino, e impegnarci a realizzarlo» afferma Yoka Brandt, Vice-direttore dell’UNICEF. «Ora che la comunità internazionale definisce i traguardi per il 2015 e oltre, i bambini devono essere al centro dell’agenda per lo sviluppo, per il loro futuro e quello del mondo intero». (31 dicembre 2014)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts

1 Trackbacks & Pingbacks

  1. I prof cantano “Imagine” per l’Unicef | Blog SASSI

Comments are closed.