Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Charlie Hebdo: missione italiana a Onu, “Je suis Charlie”

NEW YORK – Cresce la solidarieta’ su Twitter con le vittime del massacro alla rivista francese Charlie Hebdo: a New York la Rappresentanza Permanente d’Italia all’Onu ha adottato l’icona “Je suis Charlie” per il suo profilo Twitter.

L’iniziativa della missione si aggiunge a quella di molti altri frequentatori del sito di microblogging, a partire dall’Ambasciata americana a Parigi, che hanno sostituito il proprio avatar con l’hashtah #JeSuisCharlie in bianco e nero. Il Rappresentante Permanente italiano Sebastiano Cardi ha firmato a New York libro delle condoglianze presso la missione francese all’Onu. Lo stesso ha fatto l’ambasciatore Claudio Bisogniero alla missione francese a Washington.

Al Palazzo di Vetro il Segretario Generale Ban Ki moon  ha condannato con forza il “vergognoso attacco terroristico” al settimanale satirico francese: “E’ un attacco alla pietra d’angolo della democrazia, la liberta’ dei media”,  ha detto Ban incontrando i giornalisti al Palazzo di Vetro, e ha usato tre aggettivi: “Vergognoso, ingiustificabile e a sangue freddo”. Il “barbaro, intollerabile, codardo attacco contro i giornalisti e la rivista Charlie Hebdo” e’ stato condannato anche “nei termini più forti possibili” dal Consiglio di Sicurezza.

Nell’attentato a Charlie Hebdo sono morti otto giornalisti tra cui il direttore del settimanale Charb, un addetto alla portineria e un invitato alla riunione di redazione, che si trovavano all’interno, più un secondo poliziotto accorso appena dopo la sparatoria e colpito sul marciapiede di fronte all’edificio.

“Siamo tutti francesi”, ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi  all’ambasciatrice della Francia a Roma Catherine Colonna che lo ha ricevuto a palazzo Farnese: “Il tentativo di colpire un simbolo di libertà è un gesto di orrore senza fine e l’Europa intera ha il dovere di reagire” ha detto Renziche poi, parlando all’assemblea del Pd, ha chiesto una “iniziativa Ue”. (7 gennaio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts