Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Gino Strada (Emergency): perche’ Ebola smetta di uccidere solo in Africa

FREETOWN- Ebola uccide come sul Titanic: si salvano i passeggeri di prima classe, affondano i poveri in terza. Sul sito di Emergency il fondatore dell’ONG italiana per la medicina umanitaria Gino Strada osserva che in Europa e negli Usa tutti i pazienti sono stati curati (e 4 su 5 sono guariti) in reparti di terapia intensiva, non solo di isolamento, e hanno ricevuto assistenza continuativa e non sporadica.

Non è mai esistita una terapia intensiva per l’Ebola (e sfortunatamente non solo per l’Ebola) in Africa? Facciamola“, scrive Strada in una “Lettera da Freetown”: “Si deve e si può fare una terapia intensiva dello stesso livello, o molto simile, anche in Africa. È un obbligo morale e scientifico, e un progetto realizzabile: queste foto lo testimoniano, siamo in Sierra Leone a portare medicina, non solo ‘compassione'”.

A bordo del Titanic, su un totale di 143 viaggiatrici di prima classe solo 4 perirono (3 avevano scelto volontariamente di rimanere sulla nave), mentre tra le viaggiatrici di terza classe 81 donne su 179 affondarono con la nave. “Lo stesso destino dei malati di Ebola, nei Paesi ricchi o in Africa”, scrive Strada: “Siamo tutti consapevoli che non esiste ancora una cura specifica per l’Ebola, ma “una cura” è stata possibile “outside Africa”, e ha guarito l’80% dei pazienti. E allora perché non renderla disponibile anche “inside Africa”, ad esempio in Sierra Leone?

Conosciamo il contesto dell’Africa, e della Sierra Leone, dove lavoriamo da 14 anni, scrive il capo di Emergency: “Ma non siamo qui per giustificarlo, anzi dobbiamo e vogliamo migliorarlo. È il grande sforzo che lo staff internazionale e sierraleonese di Emergency sta facendo: costruire un contesto di diritti condivisi, praticare una medicina senza discriminazioni. Gli strumenti a disposizione per salvare una vita (pochi o tanti, efficaci o inutili che siano) devono essere resi disponibili a tutti”. (4 febbraio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts