Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Una italiana a Tripoli: Claudia Gazzini di ICG oggi a New per briefing Onu

NEW YORK – Una italiana in Libia. Romana, di formazione storica dell’eta coloniale e da tre anni Senior Analyst in Libia con il think tank bruxellese International Crisis Group, Claudia Gazzini ha partecipato oggi a una riunione presso la Rappresentanza Permanente d’Italia all’Onu con delegati del gruppo P3+5 (Francia, Gb, Usa, Italia, Spagna, Ue, Onu) in cui ha presentato il rapporto dell’organizzazione “Libya: Getting Geneva Right” che sara’ illustrato la prossima settimana a Bruxelles.

Appoggio all’inviato Onu Bernardino Leon, ma anche no a “tentazioni politiche di pancia come quella invocata ieri dall’Egitto in Consiglio di Sicurezza” e un ripensamento dell’approccio della comunità internazionale alla crisi libica e alle sue divisioni interne. Secondo l’ICG, think tank che opera sul campo e ha una sede anche a Tripoli, l’accordo politico e’ difficile ma non impossibile.

“Serve che che le due fazioni si convincano che non possono usare una strategia mnilitare e uno dei modi per farlo e’ di togliere a tutti la possibilita’ di ottenere armi alla luce del sole e di accaparrarsi i soldi dello stato libico”, ha detto la Gazzini: “Sosteniamogli sforzi di Leon per arrivare a un accordo politico ma proponiamo un cambio di priorita’. Il negoziato deve fare un passo indietro non considerando legittimo nessuno dei due grandi gruppi rivali”.

Questo il primo suggerimento di ICG e poi: una implementazione seria dell’embargo delle armi e la neutralità delle istituzioni finanziarie libiche. “La Libia – ha detto la Gazzini che opera in Libia da tre anni, ci e’ arrivata con una figlia neonata e ci tornerà’ la prossima settimana nonostante la Chiusura “temporanea” dell’Ambasciata d’Italia per motivi di sicurezza – rischia la bancarotta nell’arco di due anni tra calo dell’export e dei prezzi del greggio e un deficit nazionale che vola sull’ordine dei tre miliardi di dollari al mese.

La riunione presso la sede dell’Italia all’Onu da’ continuità alla posizione espressa ieri durante il dibattito in Consiglio di Sicurezza dal Rappresentante Permanente Sebastiano Cardi: “L”Italia – aveva detto Cardi – e’ determinata a contribuire alla stabilizzazione della Libia attraverso il dialogo sponsorizzato dalle Nazioni Unite, ed e’ pronta ad assumere un ruolo guida nella cornice dell’iniziativa Onu”.

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts