Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Ebola: concerto all’Onu; Cardi, siamo vicini all’Africa

oggi vertice Ue per rilancio sforzi

NEW YORK – I casi di Ebola in Africa sono diminuiti ima non bisogna abbassare la guardia. Un appuntamento musicale senza precedenti nell’aula dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha preceduto di poche ore il vertice ad alto livello della Ue con Federica Mogherini per fare il punto sull’emergenza e mettere le basi della ricostruzione. “L’Italia non e’ un Paese africano, ma all’Africa siamo vicini, non solo geograficamente”, ha detto l’ambasciatore italiano all’Onu Sebastiano Cardi che ha introdotto, con i colleghi americana Samantha Power e della Sierra Leone Vandi Minah e con il segretario generale Ban Ki moon, il concerto “Ending Ebola and Building for the Future”.

IMG_4811Musica straordinaria dalle aree del continente colpite: i percussionisti del gruppo di Chieck Hamala Diabate, un artista del Mali candidato ai Grammy che suona in ngoni, uno strumento a corde simile al banjo. Le “top” della Sierra Leone Vicky Fornah e Lady Felicia. Last but not least, la reggae giamaicana Etana che ha inciso il singolo “Better Tomorrow” per i piccoli orfani di Ebola.

“Cinque mesi fa le prospettive erano tetre, ora sappiamo che Ebola si può  sconfiggere con l’obiettivo di nessun nuovo caso a meta’ aprile”, ha detto Ban. “Ed e’ in via di sconfitta”, gli ha fatto eco la Power, “non solo grazie ai contributi dei governi, ma anche dei soccorritori-eroi e di persone che il presidente Barack Obama ha chiamato ‘mobilitatori di speranza’ che andavano di villaggio in villaggio sconfiggendo la paura”.

“La fine della guerra e’ all’orizzonte”, ha detto Ban, ma il declino dei contagi non deve illudere: anche un solo caso, ha detto Cardi, e’ un caso di troppo. Ecco perche’ l’Italia continuera’ a contribuire agli sforzi multilaterali necessari per arrivare a “zero casi” e lo sta facendo “con un approccio globale che fa leva sui finanziamenti pubblici, il ruolo di ospedali privati, il lavoro sul terreno delle sue Ong”. La ‘formula italiana’ che, con un mix originale di approccio istituzionale e non istituzionale, ha portato a accordi di pace e soluzioni di emergenze e crisi potenzialmente planetarie come quella di Ebola.

Oggi intanto torna a muoversi la Ue con una Conferenza internazionale di alto livello per una verifica dei risultati conseguiti e per un aggiornamento  della strategia complessiva che porti all’azzeramento dell’epidemia ed alla riabilitazione dei Paesi e delle comunità colpite.

Nonostante l’intervento internazionale abbia permesso di ridurre il rischio di una diffusione senza controllo del virus in Africa e potenzialmente nel pianeta, la minaccia è ancora ben presente in Africa Occidentale e l’impegno internazionale deve restare alto e costante. La Conferenza Ue vuol essere un momento di rilancio collettivo degli sforzi in atto. Europa e l’Italia si sono molto impegnate in questi mesi. Sotto il semestre italiano di Presidenza UE, si è anche riusciti ad elaborare una strategia d’azione comune europea sotto l’ombrello dell’Onu.

In via bilaterale l’Italia si è impegnata in tutti e tre i Paesi colpiti, con un focus particolare in Sierra Leone, dove sono mobilitati 9 virologi e un coordinatore dell’Istituto Nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e con aiuti umanitari. L’Italia ha sostenuto i Laboratori Mobili UE e ne ha allestito uno proprio con la Cooperazione italiana. Ong italiane come Cuamm e Emergency operano direttamente nell’area con attività di diagnosi e cura (vedi il caso del virologo italiano infettato, Fabrizio Pulvirenti), di formazione e di sensibilizzazione delle comunità. L’Italia è impegnata in diversi gruppi di ricerca sui vaccini: uno dei primi sviluppati, che vedrà presto la sperimentazione, è stato realizzato proprio in Italia. (3 marzo 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts