Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Donne: in mostra all’ONU impegno CUAMM Medici per l’Africa

NEW YORK – In Africa 280 mila donne muoiono di parto ogni anno: per molte di loro, e per i neonati, una sala d’aspetto che funziona “e’ la differenza tra la vita o la morte”. Lo ha detto al Palazzo di Vetro l’ambasciatore della Tanzania, Tuvako Nathaniel Manongi, presentando una mostra fotografica organizzata con la Rappresentanza Permanente d’Italia all’ONU e la ONG italiana Medici con l’Africa CUAMM nel primo giorno dei lavori della 59esima Commissione sullo Stato delle Donne.

La mostra, “A Waiting Room – Mothers and Children First”, presenta le immagini scattate dalla fotografa Kasia Ciechanowska a Tosamaganga in Tanzania: racconta un giorno nella vita di Eliza che si prende cura, in un accampamento per famiglie di pazienti vicino all’ospedale, della figlia Zulpa che ha appena dato alla luce la piccola Bright, una bambina prematura.  Ha tagliato il nastro il Rappresentante Permanente italiano all’Onu Sebastiano Cardi: “Societa’ civile e governi possono fare miracoli per migliorare le condizioni di donne e bambini”, ha detto l’ambasciatore secondo cui “il legame tra cure mediche e cure familiari e’ parte dello stesso cammino verso il ritorno in salute”. Cardi ha reso omaggio al lavoro di CUAMM Medici con l’Africa, “la più grande organizzazione italiana impegnata  nella promozione e protezione della salute nel continente”.

In aggiunta all’ospedale in Tanzania, la Ong nata a Padova nel 1950 e attiva in in Tanzania dal 1968 ne ha aperti altri tre in Angola, Etiopia e Uganda con l’obiettivo di raddoppiare in cinque anni i parti assistiti. Bright, nata al settimo mese pesava 1,5 chili alla nascita ma per sua madre e per sua nonna e’ una “bambina del miracolo”. Secondo l’on. Giovanna Martelli, a New York con la delegazione italiana alla 59esima Commissione sullo Stato delle Donne, l’impegno di Cuamm e’ una testimonianza di quanto sta facendo l’Italia perche’ la salute delle donne sia al centro dell’azione nei paesi in via di sviluppo. (9 marzo 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts