Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Morte al Bardo: Bokova, atto codardo nega principi dialogo

TUNISI/PARIGI – Dopo la distruzione delle statue assire a Mosul e Ninive e il saccheggio dei siti archeologici in Siria e in Iraq, oggi a Tunisi è morte in uno dei più famosi musei del mondo. “Il Bardo è un luogo aperto a tutti. Un luogo di scoperta di un dialogo tra le culture”, ha detto la direttore generale dell’Unesco Irina Bokova apprendendo della attacco nella capitale tunisina in cui 24 turisti sono stati uccisi, tra questi tre italiani.

“Questo atto vile è una negazione di questi principi e ci deve unire ancora di più nella lotta contro l’estremismo”, ha detto Bokova parlando accanto al presidente francese Francois Hollande al Louvre nel corso di un evento incentrato sulla distruzione del patrimonio culturale da parte di gruppi terroristici come l’Isis. “I tunisini, e soprattutto i giovani, hanno cercato e accettato la sfida della democrazia”, ​​ha continuato. “La Tunisia rappresenta una speranza immensa per tutti i popoli del mondo. Dobbiamo far passare il messaggio che la democrazia si trasmette attraverso la cultura, attraverso il dialogo”.

Nell’attacco sei turisti italiani sono rimasti feriti. Tra i morti c’erano cittadini spagnoli, polacchi, tedeschi, un tunisino e un ufficiale di polizia, ha detto il primo ministro Habib Essid. Il presidente della Colombia in seguito ha confermato due morti colombiani.

L’attacco è stato condannato con forza in tutto il mondo. “In queste ore di dolore, con il cuore e con la mente siamo vicini alle famiglie dei nostri connazionali coinvolti nella tragedia di Tunisi”, ha detto il premier Matteo Renzi. “Stiamo parlando di un attacco terroristico di ferocia e gravità politica molto rilevante”, ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni unendo al cordoglio per le vittime dell’attentato la preoccupazione per il tentativo di destabilizzare il Paese nella sua fase di democratizzazione.

Il Segretario di Stato americano John Kerry ha lodato la rapida reazione delle autorità tunisine di fronte “violenza sfrenata” di oggi e gli sforzi fatti per risolvere la situazione degli ostaggi e ripristinare la calma. “Gli Stati Uniti sono accanto al popolo tunisino in questo momento difficile e continuano a sostenere gli sforzi del governo per una Tunisia sicura, prospera e democratica”, ha detto Kerry mentre dall’Italia il segretario generale dell’ONU Ban Ki moon ha stigmatizzato “con la massima fermezza” l’attacco e deplorato la perdita di vite umane, esprimendo la sua la sua solidarietà al popolo e le autorità tunisine”. (18 marzo 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts