Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Yemen: allarme Ong italiana, violenze impediscono aiuti

ROMA – Lo Yemen sta precipitando nel baratro: a causa delle crescenti violenze e’ impossibile consegnare aiuti umanitari e migliaia di persone sono a rischio. lancia l’allarme INTERSOS,  l’unica ONG italiana attiva da quasi un decennio i nel Paese.
Proprio oggi, ha riferito l’emittente al Jazira citando a sua volta la televisione dei ribelli Huthi yemeniti che avanzano verso Aden, il presidente yemenita Abd Rabbo
Mansur Hadi e’ fuggito dal palazzo presidenziale di Aden, la citta’ del sud dove si era rifugiato. Ieri Hadi aveva chiesto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu di dare
l’autorizzazione a un intervento armato dei Paesi sunniti del Consiglio di Cooperazione del Golfo.
Gli scontri e le condizioni di sicurezza estremamente volatili nel governatorato di Lahj a circa quaranta chilometri da Aden, stanno limitando pesantemente il lavoro degli operatori della ONG italiana, che in questa zona portano aiuto ai rifugiati nel campo di Kharaz. “In questa condizione, non possiamo raggiungere il campo di Kharaz, dove vivono oltre 16.000 rifugiati somali. Nei giorni scorsi ad Aden i combattimenti sono andati avanti per ore, abbiamo sentito continui colpi di artiglieria pesante e purtroppo gli spostamenti continuano ad essere estremamente difficili perché ronde di cittadini armati presidiano la città”, racconta Maria Sole Dall’Oro, responsabile delle attività di INTERSOS in Yemen.
“La nostra preoccupazione – spiega la Dall’Oro – è di non riuscire a raggiungere il campo dove portiamo avanti progetti di assistenza ai rifugiati, in particolare a donne, bambini e persone con disabilità e se gli scontri continueranno nell’area di Lahj, il campo e tutte le persone che ci vivono rischiano di rimanere del tutto isolati.”
INTERSOS lavora in Yemen con staff nazionale ed internazionale ad Aden, Sana’a e Abyan per soccorrere oltre 20.000 sfollati e rifugiati assicurando la fornitura di acqua potabile, strutture igieniche e assistenza sanitaria, e attraverso i propri centri garantisce protezione e assistenza materiale, legale e supporto psicologico a donne e bambini.
Lo Yemen in questo momento è un paese frammentato, ostaggio di profonde divisioni, violenti scontri politici e influenze esterne. Violenze e instabilità aggravano l’endemica povertà che attanaglia il paese e il suo popolo: ci sono 334.000 sfollati interni, oltre 10,6 milioni di persone vivono nell’insicurezza alimentare. Inoltre il paese, per la sua particolare posizione geografica, accoglie centinaia di migliaia di persone in fuga dal Corno d’Africa e dalla Siria: sono più di 254.000 i rifugiati nel paese, oltre la metà sono somali. (25 marzo, 2015)
The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts