Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Agricoltura: da Firenze al Camerun per “Progetto Manioca”

FIRENZE/YAOUNDE – Dalle Cascine al Camerun per il Progetto Manioca. Migliorare le coltivazioni e la produttività agroalimentare, rilanciare il mercato interno, aprire alle esportazioni di alcuni prodotti di qualità. E’ l’obiettivo di un accordo quadro che lega l’Università di Firenze al Camerun, attraverso il Dipartimento di Scienze delle produzioni agroalimentari e dell’ambiente (DISPAA), in un progetto cofinanziato dal Governo del Camerun e dalla Banca Mondiale.

Agraria alle Cascine

Agraria alle Cascine

L’intesa, in sintonia con gli obiettivi di EXPO Milano 2015, è stata presentata a Firenze dal Ministro dell’Agricoltura e dello sviluppo rurale della Repubblica del Camerun Essimi Menye, alla presenza del rettore dell’Ateneo fiorentino Alberto Tesi.

Il Progetto d’Investimento e di Sviluppo dei Mercati Agricoli (PIDMA) – questo il nome – ha come obiettivo generale quello di sostenere la trasformazione dei prodotti di alcune coltivazioni (manioca, mais, sorgo), attualmente a basso rendimento e orientate alla sussistenza, in filiere alimentari commerciali. Il progetto interessa un’area molto vasta del paese e differenti comunità locali.

Quattro le zone coinvolte, in cui è coltivata prevalentemente la manioca, circa 30.000 piccoli agricoltori, 300 cooperative. Si può calcolare che ne beneficeranno direttamente circa 120.000 persone, di cui almeno il 70% donne.

“Il primo passo riguarda il potenziamento produttivo di circa 2.000 ettari, in termini sia di resa che di qualità dei prodotti”, spiega Vincenzo Vecchio, ordinario di Agronomia e coltivazioni erbacee, e responsabile scientifico dell’accordo: “Ci attendiamo, al termine del percorso, un incremento tra il 100 e il 150%. Ma puntiamo anche al miglioramento della qualità e a permettere ad alcuni prodotti biofunzionali, come quelli senza glutine, di proporsi sui mercati internazionali”.

La firma dell'intesa

La firma dell’intesa

Al Dipartimento DISPAA spetterà la ricerca in laboratorio, la sperimentazione sul campo e l’assistenza tecnico-scientifica lungo tutta la filiera di trasformazione dei prodotti. Nell’alveo di questa intesa, sarà stretta anche una collaborazione scientifica con le Università del Camerun.

“Oltre a intervenire sul miglioramento delle produzioni, attraverso tecniche sostenibili, sulla razionalizzazione delle colture, sull’impiego delle attrezzature necessarie per la trasformazione dei prodotti – sottolinea Vecchio – approfondiremo, ad esempio, le applicazioni della farina di manioca per la nutrizione nell’infanzia o per le persone con sensibilità al glutine e promuoveremo tra le cooperative che partecipano al progetto la relativa tecnologia. Il progetto, con i suoi risultati e i suoi prodotti, è in perfetta sintonia con gli obiettivi di Expo 2015”. (3 aprile 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts