Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Da Italia contributo di 4,1 milioni di euro a Agenzia per rifugiati palestinesi

ROMA – Il governo italiano ha approvato  un contributo di 4,1 milioni di euro a sostegno del bilancio 2015 dell’Agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei rifugiati Palestinesi (Unrwa).

Secondo il console generale a Gerusalemme, Davide La Cecilia, la somma, che è maggiore di quella dell’anno passato, conferma “la particolare attenzione prestata dall’Italia all’aggravarsi della situazione nella regione mediorientale in un momento in cui va sostenuto lo sforzo dell’Agenzia che presta attività di assistenza a 5 milioni di rifugiati palestinesi in Libano, Siria e Giordania attraverso l’erogazione di servizi sanitari, servizi scolastici e beni di prima necessità”.

“A tale contributo – ha spiegato il Console generale – va aggiunto un ulteriore milione di euro erogato all’Unrwa a beneficio della popolazione palestinese della Striscia di Gaza volto a contribuire alla riduzione dei rischi di salute ambientale e al miglioramento dello smaltimento dei rifiuti”. Il supporto finanziario dell’Italia all’Agenzia negli ultimi anni è costantemente cresciuto: dal 2000 a oggi sono stati più di 116 milioni di dollari.

Il 9 aprile intanto, in occasione della Giornata Mondiale contro le mine, l’Associazione Nazionale Vittime Civili di Guerra (Anvcg) Onlus, in collaborazione con il Comitato Italiano per l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, organizza  Roma il convegno ‘Conoscere per riconoscere – Viaggio nelle scuole d’Italia e di Gaza’. La giornata intende richiamare l’attenzione sulla realtà che il fenomeno degli ordigni inesplosi rappresenta in numerosissimi Paesi del pianeta, attraverso presentazioni tecniche di esperti del settore nazionali e internazionali, testimonianze dirette delle vittime, e il coinvolgimento di artisti e autori che hanno approfondito il tema dal punto di vista artistico e letterario.

Verranno inoltre presentati i risultati del progetto di prevenzione e attenzione nei confronti  del contatto con gli ordigni inesplosi nelle scuole di Gaza, realizzato in collaborazione con Unrwa e con il supporto tecnico di Unmsa (l’Agenzia Onu per l’azione contro le mine e gli ordigni bellici inesplosi), e verrà presentata la campagna di sensibilizzazione sul tema degli ordigni bellici inesplosi – già trasmessa sulle tre reti Rai – che sarà realizzata nelle scuole italiane.

(7 aprile 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts