Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Cooperazione: DEF; le linee dell’aiuto pubblico allo sviluppo

ROMA – Nella Sezione I, Programma di stabilità per l’Italia, a pagina 109, il Focus sull’Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS) sintetizza in venti righe l’impegno italiano per il riallineamento agli standard internazionali, in sintonia con quanto previsto dalla legge 125/2014, che ha inteso qualificare e valorizzare la Cooperazione allo sviluppo dell’Italia. “Ciò permetterà – viene affermato nel Focus – di rilanciare il profilo internazionale dell’Italia, la presenza in aree strategiche, le eccellenze e i vantaggi comparati”.

Le stime relative all’APS per il 2014 prevedono uno 0,17 per cento del Reddito Nazionale Lordo, in linea con il dato registrato nel 2013. “Il Governo riafferma l’impegno a perseguire il riallineamento graduale dell’Italia agli standard internazionali della Cooperazione allo sviluppo (media Paesi OCSE), con l’obiettivo di migliorare la qualità e la quantità dell’APS. Ciò, in sintonia con quanto previsto dall’art.30 della legge n. 125 del 2014 sulla riforma della cooperazione allo sviluppo, permetterà di rilanciare il profilo internazionale dell’Italia, la presenza in aree strategiche, le eccellenze e i vantaggi comparati”, si legge nel documento del Governo approvato ieri dal Consiglio dei Ministri.

Per il triennio 2016-2018, si sottolinea l’impegno del Governo a perseguire il percorso di riallineamento secondo il seguente profilo di spesa: 0,18 per cento nel 2016, 0,21 per cento nel 2017 e 0,24 per cento nel 2018. Tale percorso porterà nel 2020 a raggiungere l’obiettivo dello 0,30 per cento – anche tenuto conto dei negoziati attualmente in corso per la definizione della nuova Agenda per lo sviluppo sostenibile – nella prospettiva del raggiungimento, da parte dell’Unione Europea nel suo complesso, dell’obiettivo dello 0,7 per cento.

A tal fine, prosegue il documento del Ministero del’Economia, “l’azione pubblica dovrà necessariamente concentrarsi su quantità e qualità degli stanziamenti annuali, continuando l’opera di riqualificazione e razionalizzazione della spesa, anche alla luce delle innovazioni introdotte dalla legge sulla riforma della cooperazione allo sviluppo del 2014 basata su principi di unitarietà dell’azione e operatività in sinergia con il Parlamento, i cui decreti di attuazione sono al momento in fase di emanazione”. (AB, 11 aprile 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts