Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Sicurezza scuole, Unesco e ateneo Udine firmano accordo per ‘Visus’

UDINE – Un metodo messo a punto all’Università di Udine, ma che sarà adottato a livello mondiale: l’Unesco ha stretto un accordo con l’ateneo friulano per adozione globale di ‘Visus’ il metodo di analisi dei rischi di disastro e di individuazione delle strategie di miglioramento delle condizioni di sicurezza nelle scuole. ‘Visus’, messo a punto dal laboratorio Sicurezza e protezione intersettoriale (Sprint) dell’Università,  consente di individuare e classificare rapidamente la situazione di rischio – sismico, da alluvioni, incendi e tornado – e di formulare una prima stima dei costi di intervento. Si possono così definire strategie di miglioramento per intervenire in modo mirato ed efficace.

imagesWXWYBGNYVisus consente di condurre valutazioni degli edifici esistenti tenendo conto delle specificità e delle tradizioni costruttive locali, permettendo così di trasferire le conoscenze ai soggetti locali in modo che si possano autogestire (capacity-building). Il metodo verrà ora applicato nell’ambito del programma di “Sicurezza globale delle scuole”, promosso dall’Alleanza globale per la riduzione dei rischi di disastro (gadrrres.net), che punta a mettere in sicurezza le scuole nel mondo entro il 2030. Dell’Alleanza fanno parte, oltre all’Unesco, Unicef, Banca mondiale, Croce rossa internazionale, Save the Children e altri.

Visus è un’evoluzione della metodologia messa a punto dai ricercatori dell’ateneo friulano nel 1996 per conto del Ministero dell’Interno, per valutare il rischio d’incendio e la messa in sicurezza del centro storico di Venezia dopo l’incendio del Teatro La Fenice. Una tecnica poi impiegata anche nel progetto “Assess” per valutare la sicurezza sismica delle scuole del Friuli Venezia Giulia. Scoperto dagli ispettori dell’Unesco nel 2012, Visus è stato riconosciuto come buona prassi e presentato nell’ambito della piattaforma mondiale per la riduzione dai disastri a Ginevra. Nel 2013 l’Unesco ha avviato un progetto pilota in El Salvador con il coordinamento scientifico dei ricercatori dell’Ateneo di Udine, per testarne l’efficacia operativa in scenari significativamente diversi da quelli in cui la metodologia è stata messa a punto. Dopo la presentazione ufficiale della metodologia alla conferenza mondiale delle Nazioni Unite sulla Riduzione dei rischi di disastri, tenutasi dal 14 al 18 marzo 2015 a Sendai (Giappone), l’Unesco ha siglato l’accordo di partnership.

(16 aprile 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts