Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Peacekeeping: Italia, Egitto Etiopia; partnership per prevenire crisi

NEW YORK – Partnership nel peacekeeping per prevenire crisi internazionali in profonda evoluzione. Dai cristiani etiopi decapitati in Libia alle tragedie dei barconi nel Mediterraneo, la cronaca di sangue degli ultimi giorni e’ indicativa del bisogno di agire in modo coordinato. “La cooperazione tra organizzazioni internazionali e regionali e’ di rigore. Italia, Egitto e Etiopia sono impegnati in uno sforzo comune nella regione del Mediterraneo per rafforzare queste partnership”, ha detto il Rappresentante Permanente Italiano all’Onu Sebastiano Cardi intervenendo oggi a un seminario dell’International Peace Institute (IPI) di New York.

Il seminario era organizzato dalle rappresentanze permanenti di Italia, Egitto e Etiopia. “La natura dei conflitti sta cambiando”, ha detto l’ambasciatore egiziano Abdellatif Aboulatta evocando la strage degli etiopi in Libia, un tragico bis delle decapitazioni sulle stesse spiagge del Mediterraneo di egiziani copti da parte di jihadisti dell’Isis. Cardi ha osservato che “ad oggi ci sono almeno otto teatri di crisi, principalmente in Africa, in cui le missioni Onu e Ue sono impegnate contemporaneamente” e ha aggiunto che “l’emergenza di minacce asimmetriche richiede un approccio complessivo e multidimensionale alla pace e alla stabilita'”.

L’evoluzione delle minacce sono state evocate anche dal Rappresentante Permanente etiope Tekeda Alemu: “Quanto accade oggi in qualsiasi Paese africano prima o poi interesserà il resto del mondo”. Alemu ha chiesto maggior sostegno nelle partnership tra Nazioni Unite e Unione Africana: “Auspichiamo che sia posto in atto il Rapporto Prodi”, ha detto Alemu riferendosi al dossier coordinato dall’ex presidente del Consiglio sulle modalità di appoggio alle missioni della UA.

Hanno partecipato al seminario esperti di peacekeeping dell’Onu e di think tank internazionali: tra questi Andrea Margelletti, presidente del Centro di Studi Internazionali di Roma. (AB 21 aprile 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts