Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Immigrazione: don Ciotti, è un problema di tutti, l’Italia alzi voce |

FIRENZE – “Il problema dell’accoglienza dei migranti non può essere scaricato esclusivamente sulle spalle dell’Italia; l’Italia perciò deve alzare il tono di voce”.

Lo ha detto don Luigi Ciotti,  a Firenze al congresso della fondazione Andrea Devoto, tenuto  nell’ambito del Festival d’Europa. “L’Italia – ha aggiunto il fondatore di Libera –
deve avere la capacità di essere più forte nei confronti degli altri paesi affinché facciano la loro parte. Non solo scaricando del denaro e poi abbandonando il problema a noi. C’è bisogno di un servizio che coinvolga tutti e ovviamente serve anche un lavoro a monte, nei paesi da dove queste persone partono. E comunque dov’è l’Onu? dov’è l’Ue?”, si è chiesto.

mediterraneo  ”Si parla di immigrati solo quando sono 800 in fondo al mare”, ha aggiunto rilevando che ”non possiamo accollarci il problema dei migranti da soli. L’Inghilterra ci manda le navi per aiutarci ma poi non si interessa al problema e. Don Ciotti ha poi detto che ”non c’è legalità in Italia, tutti la sbandierano ma ne hanno rubato il significat”. ” Nel nostro paese quante verità nascoste  ci sono? – ha poi ribadito – In Italia non c’è una strage in cui si conosca una verità… E questo è il termometro drammatico: il 75 per cento delle vittime per mafie non conosce la verità. Si uccide anche con dei silenzi complici”.  Parlando di uno dei temi che più gli sono cari, il fondatore di Libera ha osservato che ”l’educazione – ha detto il fondatore di Libera – è il primo investimento del futuro nella famiglia e nella scuola e in tutti gli ambienti dove si può apprendere”. ”Il mio sogno è la città educativa in cui tutti possono dare un contributo”. ”La situazione di oggi è difficile – ha detto Don Ciotti – ma non dobbiamo cedere alla rassegnazione ma nemmeno indugiare sull’indignazione”. ”I principi su cui dobbiamo lavorare per il futuro sono la conoscenza, la responsabilità, la giustizia e il coraggio della verità”.

(11 maggio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts