Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Yemen : bombe sulla vecchia Sanaa, l’Unesco chiede tregua e rispetto

(di Maria Novella Topi) – ROMA –  Si ergono alte e merlate con le finestre di alabastro e gli ampi terrazzi che guardano la città : sono le case di Sanaa antica, patrimonio mondiale dell’Umanità secondo l’Unesco, e ora, con la guerra che si continua ad avvicinare, sempre più in pericolo, sempre più fragili.

La capitale dello Yemen  è un gioiello inestimabile incastonato in un paese altrettanto prezioso, le cui città del deserto e delle montagne racchiudono il mistero del regno di Saba e delle vie carovaniere, e di cui non si sa se riusciranno a salvarsi dalla furia dei fondamentalisti e dalle bombe lanciate per stanarli.

Ma soprattutto Sanaa, ora è certo, è in pericolo perchè le ultime notizie sul campo dicono che i bombardamenti della coalizione stanno colpendo sempre più vicino alla parte vecchia della città.  L’Onu da Ginevra ha definito la settimana scorsa la più sanguinosa dal 26 marzo, quando ha preso a intensificarsi il conflitto nello Yemen. Secondo Rupert Colville, portavoce dell’Alto commissario Onu per i diritti umani, “i sei giorni tra il 4 ed il 10 maggio sono stati i più letali dal 26 marzo, con un totale di almeno 182 civili uccisi, tra i 51 bambini e 41 donne. Il numero totale di civili morti verificati dal nostro staff in Yemen è ora salito a 828 dal 26 marzo (tra cui 182 bambini e 91 donne), cui si sommano 1.511 feriti’’, e una parte significativa delle vittime citate  sarebbe stata causata dagli attacchi aerei, in particolare nel governatorato di Saada.

images[4]La direttrice generale dell’Unesco, Irina Bokova, ha così reiterato i suoi pressanti appelli a tutte le parti perché si impegnino anche a proteggere il patrimonio culturale unico dello Yemen. Nella notte dell’11 maggio, ha spiegato Bokova, la città vecchia di Sanaa ”è stata massicciamente bombardata, riportando seri danni a numerosi edifici storici”. E sono state  colpite anche la città antica di Saada e il sito archeologico  di Baraqish, città fortificata preislamica.

”Condanno queste distruzioni e lancio un appello alle parti perché tengano fuori dalla portata del conflitto il patrimonio culturale” dello Yemen, ha detto Bokova aggiungendo di essere particolarmente ”preoccupata che, oltre alle indicibili sofferenze umane che questi attacchi causano, venga distrutto anche un patrimonio culturale  unico nello Yemen, depositario dell’identità, della memoria e della storia della popolazione , che rappresenta una eccezionale testimonianza delle realizzioni della civiltà islamica”.

Ieri notte è cominciato l’annunciato cessate il fuoco che dovrbbe permettere alle organizzazioni umanitarie di intervenire nel paese e permettere una prima valutazione dei danni. Tregua accolta con favore particolare dalle organizzazioni umanitarie.

Negli anni 80 l’Unesco lanciò una vasta campagna di recupero e restauro della capitale yemenita. Ora non può fare altro che lanciare appelli perchè tale patrimonio sia preservato.

(MNT 13 maggio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts