Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Futuro ONU passa per Roma: focus in Farnesina su riforma Consiglio

ROMA – Il futuro dell’ONU passa da Roma. Oggi e domani alla Farnesina l’Italia ospita un seminario ad alto livello dedicato alla Riforma del Consiglio di Sicurezza. Partecipano direttori politici, ambasciatori e alti funzionari di una quarantina di Paesi membri delle Nazioni Unite. L’obiettivo e’ di esplorare “percorsi” per una riforma che renda il Consiglio di Sicurezza piu’ inclusivo e rappresentativo del mondo di oggi.

Metodi di lavoro dell’ONU, diritto di veto, relazioni tra Assemblea Generale e Consiglio di Sicurezza, opzioni per l’espansione – se cioe’ aggiungere seggi permanenti, o solo seggi non-permanenti biennali, oppure attraverso una nuova categoria di seggi a piu’ lungo mandato – rappresentazione regionale: tutti questi temi sono nell’agenda dell’incontro aperto dal Sottosegretario agli Esteri Mario Giro e in cui sono rappresentati tutti i gruppi impegnati nel negoziati.

L’obiettivo e’ di discutere linee di azione concrete per arrivare a una riforma comnplessiva e per offrire guida addizionale ai Negoziati Intergovernaticvi in corso. Seminari simili ospitati da Turchia e Giappone nel 2014 si sono dimostrati molto utili.

Oggi e domani i principali player del dibattito si troveranno assieme per una opportunita’ di sviluppare convergenze su una riforma il cui obiettivo dovrebbe essere anche quello di consentire al Consiglio di adattarsi meglio alle continue sfide e ai cambiamenti della comunita’ internazionale. A far gli onori di casa il Segretario Generale della Farnesina Michele Valensise a cui si e’ aggiunto il Rappresentante Permanente Italiano all’ONU Sebastiano Cardi. E’ venuto da New York anche il presidente dei Negoziati Intergovernativi, l’ambasciatore giamaicano Courtenay Rattray, assieme a numerosi Rappresentanti Permanenti e alti funzionari da varie capitali.

La riunione di Roma coincide con il 60° anniversario dell’adesione dell’Italia alle Nazioni Unite: un lungo periodo in cui il Paese ha svolto un ruolo sempre propositivo, impegnandosi nella tutela dei principi della Carta ONU. “L’impegno per la riforma del Consiglio di Sicurezza conferma bene la tradizione e la vocazione multilateralista del nostro Paese”, ha sottolineato il Sottosegretario Giro, rimarcando al contempo come “dopo l’ultima riforma del 1963, la comunità internazionale sia ora chiamata a rimodellare un Consiglio di Sicurezza capace di fronteggiare efficacemente le nuove, crescenti sfide internazionali”. Valensise per parte sua ha ribadito la convinzione della necessità di riformare il Consiglio e di aggiornarlo alla realtà odierna: “Per raggiungere questo obiettivo è necessario costruire il consenso tra gli Stati membri e ciò richiede flessibilità da parte di tutti. L’Italia è pronta a dare il suo contributo” ha dichiarato il Segretario Generale Valensise. (AB, 21 maggio, 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts