Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Unesco: abusi su minori. Se ne parla alla Giornata della diversità in Italia

ROMA –  La Commissione nazionale Italiana dell’Unesco dedica quest’anno la giornata di oggi (il 21 maggio è la tradizionale giornata per la tutela delle diversità culturali)  al dramma dell’abuso dei minori. Lo scopo della giornata è quello di sostenere la diversità, contribuendo a migliorare la cooperazione fra persone  appartenenti a diverse realtà culturali, e sono previsti numerosi appuntamenti dedicati al tema. Anche l’Expo di Milano la celebra invitando le religioni a scegliere il proprio ”menù della felicità”.

imagesE0R3IQ6NIl presidente della Commissione Unesco-Italia, prof. Giovanni Puglisi, ha definito quello degli abusi sui minori ”un  tema purtroppo di grande attualità”.  “Non è solo  – ha osservato – cronaca di delitti che avvengono tutti i giorni in famiglia o in istituzioni che dovrebbero difendere i più deboli. Gli abusi su minori, presi in ostaggio, torturati, uccisi o trasformati in  baby soldati o kamikaze sono divenuti un’arma nelle tante guerre che insanguinano il mondo, basti vedere ciò che accade con l’Isis in Iraq e Siria”.

“A tutti i bambini che non poterono chiedere aiuto o che non furono ascoltati” l’Unesco renderà memoria con uno spettacolo che andrà in scena nella sede di piazza di Firenze a Roma, giovedì alle 18:30, un evento in cui si intreccerà un monologo teatrale sulle memorie di una donna abusata da bambina, “Notte Nera” , scritto da Claudia Bellocchi, e interpretato dall’attrice Luisa Stagni, e con apporti video e disegni.
La giornata a tutela delle diversità culturali, indetta dall’Unesco nel 2005, compie i suoi primi dieci anni in un momento particolarmente difficile, ha rimarcato Puglisi, citando lo sterminio delle minoranze etniche o religiose, la distruzione di monumenti e beni patrimonio di tutta l’umanità. “Tra le tante sfide vi è anche quella delle migrazioni di massa dalle zone povere e di guerra del pianeta. Una sfida che interpella l’Italia in modo diretto, nell’accoglienza ma anche nella tutela delle diversità culturali”. “Purtroppo – ha detto il presidente della Commissione Unesco – sul tema dell’immigrazione manca una politica strategica degli organi istituzionali”. In tale situazione, l’agenzia dell’Onu può avere solo un ruolo di sensibilizzazione, di coscienza. “L’Unesco è come il papa, non ha eserciti”, ha concluso Puglisi.
(MNT 21 maggio 2015)
The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts