Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Migranti: Ban, appoggio Agenda Ue; a profughi, sono stato uno di voi

FARMLEIGH (IRLANDA) – Il Segretario Generale dell’Onu Ban Ki moon ha dato oggi il benvenuto alla Agenda sulla Migrazione della UE e in particolare il suo obiettivo di salvare vite e assicurare protezione a chi ha bisogno: lo ha detto lo stesso Ban in un discorso a un gruppo di profughi provenienti da Afghanistan, Congo, Myanmar, Sudan e Siria reinsediati in Irlanda.

“Quando consideriamo come prevenire queste tragedie e’ importante pensare agli individui che sono stati costretti a fuggire e assicurare che la risposta rifletta i nostri comuni valori e principi di umanita’, solidarita’ e rispetto dei diritti umani”, ha detto Ban alla vigilia di incontri a Bruxelles con le autorita’ della UE. Un messaggio personale che il capo delle Nazioni Unite ha fatto ancora più proprio ricordando al gruppetto di profughi di esser stato anche lui uno di loro.

Ban era bambino durante la guerra di Corea e con la famiglia fu costretto a lasciare la casa e rifugiarsi nelle colline circondanti il suo villaggio: “Mentre scappavamo sotto la pioggia mi sono girato a guardare l’unico mondo che conoscevo: dove avevo giocato, dove ero andato a scuola, dove avevo abitato con i genitori, era tutto in fiamme, le nostre vite in fumo”. E tuttavia: “A dispetto delle difficolta’ ce l’ho fatta. Oggi il mio messaggio e’ semplice: il mondo e’ con voi e io sono con voi”.

Ban ha detto che le Nazioni Unite e l’Alto Commissario Onu per i Rifugiati sono pronti a collaborare con la UE, i suoi stati membri e i paesi terzi interessati per sostenere e sviluppare ulteriormente le misure incluse nell’Agenda.

Il segretario Generale Ban Ki moon incontra Esther Nasser e Eulalie Odia del Congo (Foto RTE)

Il segretario Generale Ban Ki moon incontra Esther Nasser e Eulalie Odia del Congo (Foto RTE)

Il capo dell’Onu ha espresso a questo riguardo apprezzamento per la decisione dell’Irlanda di aumentare di 300 persone la sua quota di accoglienza  auspicato che altri stati n seguano l’esempio. Ha poi osservato che occorre creare ulteriori vie di migrazione regolare e accesso alla protezione. Schemi di sponsorizzazione privati, un aumento dei ricongiungimenti familiari, accordi più flessibili di visto, ad esempio per scopi umanitari, di studio e di lavoro, potrebbero aiutare le famiglie a riunirsi.  (AB, 25 maggio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts