Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Fame: qualche buona notizia, ma Martina avverte: ‘Possiamo azzerarla se lavoriamo’

ROMA – Sul fronte della fame nel mondo c’e’ in arrivo qualche buona notizia, ma occorre continuare a lavorare sodo per poter dire di essere la ”generazione della fame zero”. A Roma è stato presentato il rapporto sulle emergenze alimentari ‘State of Food Insecurity in the World’ (Sofi) redatto dall’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), dal Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo (Ifad) e dal Programma alimentare mondiale (Pam), nel quale si afferma che il numero delle persone che soffrono la fame nel mondo continua a scendere attestandosi a 795 milioni, 216 milioni in meno rispetto al biennio 1990-92 e con 72 paesi in via di sviluppo su 129  che sono riusciti a centrare il primo degli Obiettivi del Millennio dichiarati dall’Onu: dimezzare entro il 2015 la fame nel mondo. imagesLVJ3V1RT

“Il rapporto Sofi rileva progressi nella lotta alla fame ma resta sempre il fatto che ancora 800 milioni circa di persone soffrono la fame e metà delle persone denutrite vive in Paesi a reddito medio dove ci aspettavamo maggiori progressi”, ha detto il direttore generale della Fao, Josè Graziano da Silva, sottolineando che comunque i 72 Paesi che hanno già raggiunto il primo Obiettivo del Millennio “ci inducono a pensare di poter giungere a sradicare la fame nel corso della nostra esistenza e ci indicano il cammino per il futuro”. Nonostante la crisi economica e l’incremento demografico globale – osserva il rapporto Sofi – la percentuale dei denutriti è scesa dal 18,6% del 1990-92 al 10,9% nel 2014-2016. Risultato di rilievo che si deve soprattutto ai progressi nella lotta alla fame registrati da colossi come Cina e India, mentre l’Africa stenta e nell’area subsahariana il problema si presenta in tutta la sua gravità con una persona su quattro che soffre la fame.

“Sono stati fatti progressi ma non si può festeggiare – ha spiegato il direttore delle politiche e programmi Pam, Stanlake Samkange -. Infatti, se la povertà estrema è stata ridotta della metà, non altrettanto si può dire della fame. La crescita e il maggior reddito registrati in molti paesi non vanno di pari passo con la sicurezza alimentare”. “Saranno fondamentali i prossimi dieci anni per uscire dalla fame”, gli ha fatto eco Josefina Stubbs, vicepresidente associato Ifad.

Fiducioso in un prossimo futuro senza a fame anche il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina, intervenuto da Expo in videoconferenza alla presentazione del rapporto. “Possiamo essere la generazione della ‘fame zero’ – dice Martina – ma dobbiamo far assolutamente crescere la consapevolezza attorno a questo tema. Con Expo vogliamo contribuire al lavoro che Fao, Ifad, Pam fanno sul fronte della lotta alla povertà alimentare. Sarà questo uno dei grandi temi che affronteremo nel Forum internazionale dell’agricoltura il 4 e 5 giugno qui a Expo. Una parte fondamentale dei lavori sarà dedicata a come sviluppare politiche per i piccoli produttori, come sostenere modelli che portino innovazione in questi contesti, a come promuovere la sostenibilità nelle produzioni agricole”. Proprio ad Expo arriverà il messaggio video di Bono Vox degli U2 sul cibo per tutti, diffuso nel padiglione Coldiretti con la presentazione ufficiale del libro “Terra e Cibo” del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace.

(MNT 28 maggio 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts