Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

A EXPO Africa e Italia unite anche dal business, a Bergamo una rete logistica

(di Francesca Morandi) MILANO EXPO – L’Expo 2015 è per quasi un terzo “africana”: sono infatti 43 gli Stati dell’Africa che partecipano all’esposizione universale, con una presenza assai maggiore rispetto a quella di Shanghai, dove un unico “Padiglione Africa” riuniva tutti.  I Paesi che hanno investito a Expo Milano con un proprio padiglione nazionale sono Angola, Nigeria e Marocco, mentre gli altri si presentano nei “clusters”, ovvero nove padiglioni collettivi organizzati secondo criteri di identità e filiere alimentari affini.

La marcata presenza africana a Expo Milano traduce la volontà di alcuni Stati del continente di intensificare i rapporti commerciali con il nostro Paese, considerando, fra l’altro, che nel 2008 i voti dei Paesi dell’Africa sono stati decisivi per l’assegnazione dell’Expo a Milano piuttosto che a Smirne. Dal canto suo, l’Italia ha puntato i piedi per ottenere il tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, legandolo agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio delle Nazioni Unite, che includono la lotta alla malnutrizione, l’accesso all’istruzione per tutti e la parità di genere, problemi di cui l’Africa è tutt’oggi afflitta. Ma il continente africano è anche opportunità business per l’Italia, come rileva l’ “Africa logistics network”, il progetto lanciato a Bergamo lo scorso 13 maggio che intende essere la prima rete logistica rivolta all’Africa. Creata a Bergamo da Alessandro Saponaro (fondatore delle società di spedizioni Tecnofreight e Logimar), l’ “Africa logistics network” si presenta sul suo sito Web (www.africalogisticsnetwork.com) come “una rete tra società di spedizioni di tutto il mondo che intende garantire una copertura capillare del continente africano”, definito “il mercato del futuro”.

“Scommettiamo sull’Africa perché il miliardo di persone che la abitano hanno iniziato a crescere, spesso a due cifre – dice Alessandro Saponaro –, con l’affermazione di una nuova classe media e professionalità sempre più diffuse, nonostante  persistenti, a volte enormi, problemi. “Africa logistics network” vuole essere lo strumento per accompagnare l’affermazione delle migliori piccole e medie imprese di spedizioni internazionali africane. Le poche multinazionali del settore ci sono già, loro non hanno bisogno di noi e tendono a fare loro il mercato. Quello di cui c’è quindi bisogno è una rete che selezioni e in qualche modo certifichi la qualità delle piccole e medie”.

“Lo spedizioniere che si iscrive al nostro network – spiega il sito in italiano, inglese e francese – entra immediatamente in contatto con molti altri spedizionieri in ogni paese del Globo che capillarmente gli consentono di gestire i trasporti da punto a punto, da domicilio a domicilio. “Africa logistics network” è il primo network nel mondo che vuole dare copertura totale al continente africano. Selezionando, per la qualità, piccoli e medi agenti in ogni nazione”. Alla partenza, meno di un mese fa, la rete conta già 31 adesioni con aziende di Angola, Camerun, Ciad, Gabon, Ghana, Guinea equatoriale, Kenya, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Sudafrica, Tanzania e Togo. Ma sono presenti anche imprese di Stati Uniti, Emirati Arabi, Giordania, Cina, Hong Kong e Italia. Sostenuta da Confindustria Bergamo, l’organizzazione propone inoltre un vertice annuale, che si svolgerà di volta in volta in un Paese diverso alternando l’Africa agli altri continenti. Il primo ritrovo è in programma a Bergamo, “la città dalla quale è nata l’idea di costruire il network che non c’era”, da giovedì 1° ottobre a domenica 4 ottobre 2015. (FM, 3 giugno 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts