Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

EXPO: Gentiloni a Paesi Africa meno sviluppati, aiutarvi e’ priorita’ Italia

MILANO EXPO – La solidarietà e la cooperazione con gli Stati Meno Sviluppati (Least Developed Countries,  LDC) dell’Africa sono “imperativi morali”, ma rappresentano anche una strada che include opportunità di sviluppo “economico e politico” che “aumenteranno pace e prosperità per tutti noi”. Lo ha detto il Ministro degli Esteri Paolo Gentiloni nel corso della cerimonia inaugurale della Conferenza Interministeriale organizzata dalla Cooperazione Italiana e dall’Ufficio dell’Alto Rappresentante Onu competente per i LCD sulle opportunita’ di sviluppo di questi Paesi.

conferenza Expo - da destra Cantini, Acharya, Gentiloni e Arifari

conferenza Expo – da destra Cantini, Acharya, Gentiloni e Arifari

La conferenza e’ ospitata presso il Padiglione Italia di Expo 2015 a Milano. Hanno partecipato alla sessione inaugurale Nassirou Bako Arifari, ministro degli Esteri della Repubblica africana del Benin, Gyan-Chandra Acharya, Alto Rappresentante delle Nazioni Unite per i Paesi meno sviluppati (UN-OHRLLS) e  Giampaolo Cantini, Direttore Generale DG Cooperazione e Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri.

L’obiettivo della “due giorni”, alla quale hanno aderito numerosi ministri degli Esteri africani, mira a identificare politiche e riforme strutturali che permettano agli Stati africani di raggiungere obiettivi di sviluppo tali da consentire l’abbandono della categoria LCD. L’iniziativa ha confermato la priorità che la politica estera italiana attribuisce al continente africano e la sua centralità per gli interventi della Cooperazione allo Sviluppo italiana, in sintonia con l’azione delle Nazioni Unite e in vista di tre appuntamenti chiave: la Conferenza per il Finanziamento allo sviluppo che si terrà ad Addis Abeba il prossimo luglio, l’adozione degli Obiettivi del Millennio Post-2015 a settembre a New York e la Conferenza sui cambiamenti climatici che avrà luogo in novembre a Parigi.

“Ribadisco l’impegno dell’Italia nel continente africano, che contraddistingue da decenni la nostra assistenza allo sviluppo e la nostra Politica Estera”, ha continuato Gentiloni citando “oltre 100 progretti di cooperazione dell’Italia con gli Stati africani meno sviluppati” con  “il 20% dei suoi aiuti bilaterali (circa 187 miliardi di euro”, nel quadro delle “priorità fissate dal Programma di Azione di Istanbul per la “graduation”, che include aree quali l’agricoltura, la sicurezza alimentare, l’accesso ai servizi essenziali, l’empowerment delle donne, la protezione dell’ambiente”.

Nel suo intervento il ministro del Benin Arifari, ha focalizzato l’attenzione sui mezzi concreti con i quali la comunità internazionale può sostenere gli Stati LDC sul profilo della sicurezza alimentare e sull’aumento della produttività agricola, ovvero “tecnologie che permettano lo stoccaggio e la conservazione del cibo al fine di limitarne la volatilità” e “finanziamenti all’agricoltura, che restano cruciali”. Ringraziando l’Italia e il ministro Gentiloni per la “capacità di leadership che sta dimostrando in tante sedi istituzionali e non, incluso a Expo, per avviare processi di sviluppo con l’Africa”, Arifari ha auspicato che “l’Italia continui a farsi portatrice in seno alla comunità internazionale di iniziative di cooperazione con l’Africa e partnership con le piccole e medie imprese africane, e dialoghi con i rappresentanti africani affinché anche le loro istanze siano incluse con efficacia nel nuovo Programma di Azione di Istanbul e negli Obiettivi di Fine Millennio Post-2015”.

A evidenziare i progressi compiuti dagli Stati africani meno sviluppati è stato Gyan-Chandra Acharya, l’Alto Rappresentante delle Nazioni Unite (UN-OHRLLS), citando “passi avanti nel campo delle infrastrutture, dei trasporti, delle comunicazioni e a livello di diversificazione del mercato”, nonostante “il 55% dell’economia africana si basi tutt’oggi sull’agricoltura”.  Altri passi in avanti sono tuttavia essenziali, ha osservato Acharya, soprattutto “nel settore dell’energia che ha un ruolo chiave nella produzione agricola, che deve essere incrementata, ma anche per l’importanza che l’elettricità assume per le refrigerazione degli alimenti e la conservazione delle medicine, e quindi nel quadro del Welfare dei cittadini africani” e delle partnership internazionali: un obiettivo di estrema rilevanza per lo sviluppo degli Stati LDC così come l’accesso al credito e lo sviluppo di risorse locali.

Gentiloni ha messo i temi della conferenza – alimentazione e l’energia quali agenti fondamentali per la crescita, lo sradicamento alla povertà e l’acceso all’istruzione – in linea con i temi di Expo 2015 “Nutrire il Pianeta. Energia per la vita”.  Evidenziando la crescita della popolazione mondiale, “oggi abbiamo un miliardo di persone in più rispetto al 2000 e ne avremo un altro miliardo in più entro il 2030”, Gentiloni si è detto “convinto che sia necessario investire sugli 1.8 miliardi di giovani di età tra i 10 e i 24 anni (circa un terzo della popolazione mondiale), che potrebbero diventare una potente forza trainante per l’innovazione sociale ed economica”.

La Conferenza, a cui partecipa anche il Rappresentante Permanente Italiano all’Onu Sebastiano Cardi, si concluderà il 10 giugno con una visita a EXPO. Sono coinvolti i ministri di una trentina di paesi dell’Africa Sub-sahariana ma anche aziende italiane come Enel e Eni che valorizzeranno le eccellenze e le buone pratiche sviluppate dal Sistema Italia nei settori agro-alimentare e dell’energia sostenibile. (FM, 8 giugno 2015)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts