Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Gentiloni, per la Libia il tempo sta per scadere

epa04787632 Egyptian Foreign Minister, Sameh Shoukry (R), meets with his Italian counterpart, Foreign Minister Paolo Gentiloni (L), Cairo, Egypt, 07 June 2015. According to reports Gentiloni is in Egypt to meet with Shourky and Algeria's Minister of Maghreb Affairs, African Union and Arab League, Abdel-Kader Messahel (not pictuired), to dicsuss the ongoing coflict in Libya, which with Algeria and Egypt sharing borders with the war-ton country, and Italy experiencing an influx of migrants coming from Libya, all three have an interest in solving. EPA/KHALED ELFIQI

IL CAIRO – Per la Libia il tempo sta per scadere, il “tempo è cruciale” per la soluzione della crisi, ed entro le prossime “due settimane” si dovrà raggiungere un accordo per un governo di unità nazionale. Il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni lancia un messaggio chiaro a Tobruk e Tripoli e torna sul tema caldo dell’immigrazione negando che gli interventi di soccorso di navi di Paesi europei nel Mediterraneo contribuiscano ad attrarre profughi verso l’Italia, al termine della riunione trilaterale con Egitto e Algeria svoltasi al Cairo.

Nel concerto delle pressioni internazionali di questi giorni per convincere le parti a trovare un accordo, l’Italia ha messo in campo il “suo” formato trilaterale che riunisce attorno ad un tavolo due sponsor contrapposti dei contendenti Tobruk e Tripoli, rispettivamente Egitto e Algeria. L’incontro di Gentiloni con il capo della diplomazia del Cairo, Sameh Shoukry e con il ministro per gli Affari maghrebini di Algeri, Abdelkader Messahel, è stato il secondo  dopo quello dell’8 aprile svoltosi a Roma su impulso italiano per raccordare l’Egitto, sostenitore del governo riconosciuto di Tobruk, e l’Algeria, politicamente più vicina a Tripoli dove sono al potere milizie islamiche. La trilaterale si è svolta alla vigilia di un nuovo round negoziale sotto egida Onu che inizia oggi a Skhirat, in Marocco, per la formazione di un governo di unità nazionale che risolva la principale frattura all’origine della crisi libica e consenta di unire le forze contro il dilagare dell’Isis soprattutto nel Golfo della Sirte e le partenze di clandestini nell’ovest del paese. L’inviato speciale dell’Onu per la Libia, Bernardino Leon, ha lasciato intendere che rischia di saltare la scadenza dell’inizio del Ramadan (fra dieci giorni) entro cui trovare un’intesa. Per il nuovo round negoziale però, ci sono “alcuni margini possibili di successo”, ha sostenuto il titolare della Farnesina sottolineando che si è “in una settimana che può rivelarsi decisiva”: “sono giornate in cui, prima in Marocco, poi in diverse altre sedi internazionali, ci sarà un tentativo di arrivare finalmente ad accordo”. L’altro “messaggio” venuto dall’incontro, sempre secondo dichiarazioni del ministro, è stato indirizzato al popolo libico: otterrete dal mondo ogni tipo di sostegno, anche “economico” e di “sicurezza”, se deciderete di accordarvi evitando un conflitto interno. frente_guerra_libia[1]

Il capo della diplomazia italiana è tornato anche a parlare dell’emergenza dei migranti che si riversano nel Mediterraneo dalle coste libiche. Di fronte alle notizie di migliaia di salvataggi in mare compiuti nelle ultime ore, Gentiloni ha negato che gli interventi di soccorso di navi di Paesi europei nel Mediterraneo contribuiscano ad attrarre profughi verso l’Italia creando una sorta di corridoio umanitario: “Non credo che ci sia un fattore di attrazione derivante da questa o quella operazione europea”, ha detto il ministro ricordando che “I flussi migratori nascono da guerre, crisi, povertà. L’Europa ha il dovere umanitario e politico di condividere questo impegno”.

(MNT 8 giugno 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts