Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Per EXPO 2015 Nutella celebra i monumenti d’Italia con un vasetto da collezione

Con una Limited edition Nutella celebra i monumenti d'Italia per Expo 2015

MILANO EXPO – In occasione di EXPO MILANO Nutella celebra i monumenti simbolo d’Italia con un vasetto da collezione. Dalla Mole Antonelliana di Torino al Colosseo a Roma, passando per il Duomo di Milano e la Torre di Pisa, Nutella regala a tutti gli italiani, con una limited edition, una rappresentazione grafica di tutte le meraviglie che ogni anno richiamano milioni di visitatori in Italia.

Da oltre 50 anni prodotto d’eccellenza del Made in Italy, Nutella decide così di omaggiare anche l’esposizione universale dedicata al cibo, di cui Ferrero è official partner e dove l’azienda albese si presenta con una serie di iniziative di responsabilità sociale d’impresa come il grande progetto educativo internazionale Kinder+Sport e con un programma dedicato alla promozione di stili di vita attivi tra i giovani. L’introduzione nella grande distribuzione di queste confezioni speciali di Nutella è accompagnata dal lancio di una piattaforma web (nutellainexpo.com) dedicata a Nutella e Expo. Attraverso diverse tappe, il sito accompagna il visitatore alla scoperta del viaggio che ogni giorno porta Nutella dallo stabilimento, dove viene prodotta secondo l’antica e inimitabile ricetta, al tavolo dei consumatori. Nel video di benvenuto, visualizzabile sulla piattaforma, sono raccontati i sette ingredienti che, uno dopo l’altro, fanno di Nutella uno dei prodotti più amati nel mondo.

ferrero a expoOggi uno dei prodotti famosi al mondo, Nutella nasce nel 1946 dall’intuizione di Pietro Ferrero, un pasticcere di Alba in Piemonte, che crea il “Giandujot” (dal nome di una celebre e popolare maschera del carnevale torinese): una pasta dolce, fatta con nocciole, aggiunte al cacao e un po’ di zucchero, a forma di panetto che poteva essere affettato e spalmato sul pane. L’idea di Ferrero, che derivò dalla scarsità di cacao a disposizione dopo la seconda guerra mondiale, si rivelò un successo imprenditorale straordinario. La pasta Giandujot viene trasformata nel 1951 in una crema con nocciole delle Langhe e cacao: è così che nasce la prima “antesignana” di Nutella. Nel 1964, Michele Ferrero segue le orme del padre e crea il primo vasetto di una nuova crema alle nocciole e al cacao. Unendo la traduzione inglese di nocciola “nut” con il dolce suffisso “ella”, di origine latina, Ferrero trova anche il nome ideale per quella che diverrà la crema al cioccolato più famosa del mondo: la Nutella. Tra il 1965 la Nutella raggiunge Germania e Francia, riscontrando un grande successo. Dopo aver conquistato il Vecchio Continente, la crema di Alba “sbarca” anche in Australia e apre uno stabilimento vicino a Sidney, per puntare poi all’Estremo Oriente e ai mercati di tutto il mondo.

Dal 1998 Nutella diventa anche un simbolo nello Sport, sponsorizzando le finali di Champion’s League per poi diventare il fornitore ufficiale della nazionale di calcio italiana. Anche con l’era dei social network la fama della Nutella si diffonde: su Facebook Nutella Italia conta 4,5 milioni di fan che condividono la passione per una crema nata nel secolo scorso ma che continua a conquistare le generazioni di oggi. (FM, 17 giugno 2015)

 

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts