Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Immigrazione: Manservisi (UE), in futuro Europa più migranti

BOLOGNA – Il futuro della Ue e’ con più migranti, non meno. “L’Europa non fa figli abbastanza e invecchia, ha l’interesse ad attrarre talenti, le regole del mercato del lavoro europeo cambiano. Piaccia o no, nel futuro dell’Europa ci saranno più migranti”: Stefano Manservisi, capo di gabinetto dell’Alto rappresentante per la politica estera della Ue Federica Mogherini, affronta il tema caldo della politica dell’immigrazione europea nel corso di un incontro a Bologna in occasione della Reunion della Alma Mater, tre giorni di incontro, confronti e dialogo tra chi, formato e partito dalla stessa casa, ha percorso nel mondo le più diverse strade ma continua a identificare la più antica universita’ del mondo come il luogo decisivo per la sua vita personale e professionale.
Sullo sfondo del panel “Camera con vista (sul Mediterraneo)” e’ stata la tragedia del “Migrantistan”, la “nazione non-nazione” di 60 milioni di persone messe in fuga da poverta’, conflitti, persecuzioni, fame, che fa da contraltare a quello che il presidente della Commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini ha descritto come un momento in cui “stanno saltando le statualita’, in cui tutto e’ più’ difficile” e in cui “l’Europa è a un bivio fondamentale: o va avanti e ritrova una grande spinta ideale e politica o subirà un regresso che rischia di essere molto preoccupante”.
Il pubblico di Piazza San Domenico

Il pubblico di Piazza San Domenico

All’incontro in Piazza San Domenico, moderato da Mattia Bernardo Bagnoli (ANSA) e a cui hanno preso parte il presidente della Commissione Esteri del Senato Pier Ferdinando Casini,  l’europarlamentare Elly Schlein, Amedeo Trambajolo, numero due all’Onu di Ginevra, Silvia Cremonesi, specialista di cooperazione internazionale alla Ue e Alessandra Baldini (ANSA e OnuItalia), ha mandato i saluti l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Manservisi, Bagnoli, Trambajolo prima del dibattito

Manservisi, Bagnoli, Trambajolo prima del dibattito

Un panel di politica estera perche’, come ha detto Bagnoli in apertura dell’incontro, se si dimentica la politica estera “e’ la politica estera, poi, che ti entra in casa di prepotenza”. La Mogherini e Manservisi terranno a battesimo lunedì l’operazione civil-militare EUNAVFOR nel Mediterraneo articolata in tre fasi: scambio di informazioni, l’intervento in alto mare per stoppare i barconi e sequestrarli; per poi in un terzo momento arrivare sulle coste libiche per poterli distruggere o confiscare. L’operazione verra’ lanciata tutta insieme ma solo la prima fase diventerà operativa subito, per le altre due “finché non c’è un accordo con i libici o una copertura del Consiglio di Sicurezza non sono possibili”. Ma la prima fase e’ già importante: “Renderà possibile l’altra fase interna di ridistribuzione delle responsabilità e di condividerle, e l’Italia scopre di avere una responsabilità di prima fila”.

Manservisi ha ricondotto alla necessita’, per l’Italia, di dar priorita’ alla dimensione europea  “Capisco il punto di vista di voler riportare sull’Italia il centro d’interesse, ma è fuorviante perché l’Italia e l’Unione Europea non sono due dimensioni che possono essere concepite separatamente, non lo sono più. Quando c’è una voce in Italia che pensa di fare da sola prende in giro la gente”.
Piazza Maggiore

Piazza Maggiore

La Reunion ha portato dal 19 al 21 giugno nelle piazze della “Dotta” musica e spettacoli, incontri, conferenze e dibattiti sulle materie più disparate, nello spirito enciclopedico che si confà ad un’ Università. Scrittori tradotti in tante lingue, come Enrico Palandri e Carlo Lucarelli, hanno incontrato manager di lungo corso, come l’ad di Finmeccanica Mauro Moretti, o quello di Ducati Claudio Domenicali. Si è parlato di arte con Vittorio Sgarbi, di economia solidale con don Luigi Ciotti, di sport con Ettore Messina, di scienza con il professor Antonio Zichichi. Senza dimenticare i motori, il cibo, la moda, il diritto, la medicina, il wellness (contrapposto al fitness),  la politica globale.

Il Rettore di UniBo Ivano Dionigi

Il Rettore di UniBo Ivano Dionigi

“Saluto con sentimento di vicinanza e ammirazione i partecipanti all’evento dell’università di Bologna e della città di Bologna. Sono onorato di riconoscermi come voi nell’Alma Mater, come luogo fondamentale di cultura classica e umanistica, che è stata anche la formazione principale di personalità che hanno servito le istituzioni e l’Italia”, ha mandato a dire Napolitano che ha ottenuto nel gennaio 2012 una laurea honoris causa in Relazioni internazionali dall’ateneo bolognese.  “Nelle piazze della città – ha detto il rettore Ivano Dionigi – ho visto tante persone contente ed è questo che mi riempie di gioia. Ho notato in questa Reunion una grande riconoscenza, verso Bologna e verso la sua Università”. (AB 20 giugno 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts