Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

FAO, CNR, CRA e ENEA: nuova alleanza per sviluppo agricolo sostenibile

ROMA – La FAO ha avviato una collaborazione con ENEA, CRA e CNR, tre tra i maggiori istituti di ricerca italiani nel campo del cibo, dell’ambiente e della tecnologia, per aiutare i paesi in via di sviluppo a costruire settori agricoli più forti mediante una migliore ricerca e informazione. Lo rende noto la stessa FAO sul suo sito web.

La nuova partnership – sottolinea la Fao – si concentrerà sulle ricerche e le tecnologie più avanzate per aiutare i paesi in via di sviluppo a gestire le risorse naturali in modo più sostenibile, promuovere l’innovazione nel settore agricolo e migliorare la qualità delle diete con studi sui modi più appropriati per utilizzare le colture autoctone per una sana alimentazione. Sosterrà inoltre i paesi a produrre valore aggiunto dai prodotti agricoli attraverso tecniche di elaborazione avanzate e schemi di certificazione, e rendendo i sistemi alimentari più inclusivi.

Le tre istituzioni si avvalgono del lavoro di circa 10 mila scienziati in oltre 100 istituti di ricerca in tutta Italia. Grazie alla nuova collaborazione con la FAO, i paesi potranno beneficiare del know-how del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), del Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CRA) del Ministero dell’Agricoltura e dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).

“La ricerca svolge un ruolo cruciale nello sviluppo agricolo e
rurale, e può consentire di sprigionare l’enorme potenziale
agricolo dei paesi in via di sviluppo”, ha dichiarato Maria
Helena Semedo, vice direttrice generale della FAO e coordinatrice delle Risorse Naturali, in occasione della firma della partnership. Secondo Pierfrancesco Sacco, l’ambasciatore d’Italia presso la FAO, l’accordo segna un punto di svolta nei rapporti tra Italia e agenzia dell’Onu: “In particolare questa partnership aiuterà ad affrontare la sfida crescente du portare la sostenibilita’ nei sistemi alimentari e agricoli dei paesi in via di sviluppo anche in vista della attuazione degli obiettivi dello sviluppo sostenibile post 2015”. (AB, 23 giugno 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts