Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Con una mini-foresta e montagne-piramidi, la Slovenia affascina a EXPO MILANO

Al centro il premier sloveno Miro Cerar a Expo

(di Francesca Morandi) MILANO EXPO – Con uno straordinario padiglione che propone una mini-foresta e riproduce artisticamente il tipico paesaggio montuoso sloveno, rappresentato da cinque piramidi di legno e vetro, la Slovenia ha celebrato venerdì scorso il National Day a Expo Milano 2015. Presente alla cerimonia il primo ministro sloveno Miro Cerar, che, in apertura del suo discorso, ha osservato: “La Slovenia partecipa a un’esposizione Universale per la quarta volta ma l’Expo di Milano è per noi particolarmente importante per gli ottimi rapporti che ci legano all’Italia”. A Expo Milano 2015 la Slovenia offre l’immagine della sua straordinaria bellezza naturale, collegata al cibo sano, prodotto a livello locale con metodi che non pesano sull’ecosistema. A colpire il visitatore sono le numerose superfici verdi e immagini che riproducono la vastità della foresta, la ricchezza di laghi e corsi d’acqua, il fascino del mare e delle sue coste, le prosperità delle riserve naturali, preziose alla vita umana. La Slovenia vuole stimolare i sensi dei visitatori mettendo in mostra anche la sua diversità culinaria: nonostante un’estensione geografica relativamente piccola, nel Paese si trovano 24 regioni gastronomiche. A Expo Milano 2015 si possono assaggiare una ricca varietà di specialità, vini compresi. I vigneti sono infatti una caratteristica di una porzione significativa del territorio sloveno.

Al padiglione sloveno il premier Cerar ha incontrato il commissario generale di Expo 2015 Bruno Antonio Pasquino, il sottosegretario di Stato agli Affari Esteri Benedetto Della Vedova e il vicepresidente e assessore alla Salute di Regione Lombardia Mario Mantovani. “Il nostro padiglione sviluppa il tema ‘Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita’ attraverso un concept coraggioso – ha spiegato Cerar – che si basa su cinque punti fondamentali: le saline, le api, le acque termali, trekking e ciclismo e la misurazione del carbone. Il padiglione – ha aggiunto – è inoltre interamente realizzato con materiali naturali, proprio per ben rappresentare il nostro sconfinato amore per la natura. Possa quindi Expo 2015, che è già un indiscutibile successo, portare a raggiungere traguardi per quanto riguarda la nutrizione, la biodiversità e la sostenibilità a livello globale per noi e per le generazioni future”.

Bendetto della Vedova al National Day della Slovenia a Expo

Bendetto della Vedova al National Day della Slovenia a Expo

“Expo 2015 è il contesto privilegiato – ha dichiarato il sottosegretario Della Vedova – per affrontare i temi della malnutrizione e della sicurezza alimentare. La “Carta di Milano” consegnerà l’eredità e gli indirizzi per l’Agenda post-2015 delle Nazioni Unite, per questo è necessaria la cooperazione di tutti i Paesi partecipanti e il contributo della Slovenia, con cui l’Italia vanta rapporti bilaterali di alto livello, è fondamentale”.

Dopo la cerimonia dell’alzabandiera, la delegazione slovena ha visitato il padiglione Italia e quello sloveno. La giornata di celebrazioni è proseguita nel pomeriggio, con una conferenza stampa del premier Cerar, a cui hanno preso parte il ministro sloveno dello Sviluppo Economico e della Tecnologia Zdravko Počivalšek e il commissario generale della Slovenia per Expo Milano Jerneja Lampret. Al padiglione sloveno, spettacoli di artisti e gruppi musicali hanno poi coinvolto i visitatori nei festeggiamenti, che si sono conclusi con un concerto serale del gruppo Perpestuum Jazzile e una performance acrobatica di F&B Acrobatics.

Il padiglione della Slovenia a Expo Milano

Il padiglione della Slovenia a Expo Milano

Presente a Milano Expo anche il ministro dell’Agricoltura sloveno, Dejan Zidan, che ha preso parte ad un incontro con le imprese per discutere delle opportunità di cooperazione. La conferenza si è focalizzata sulle opportunità nell’industria di produzione del legname e del cibo, ed è stata  organizzata dalla Camera di commercio slovena che mira al rafforzamento della cooperazione con l’Italia, mercato chiave per l’export sloveno. Sono numerosi i fronti che legano Roma e Lubiana: nell’ambito geografico dell’Europa allargata l’area del Programma Italia-Slovenia ha assunto un’importanza strategica fondamentale sia a livello europeo che internazionale, trasformandosi da zona periferica ad area centrale. Italia e Slovenia collaborano alla Cooperazione territoriale europea (Cte) nell’ambito della programmazione dei Fondi strutturali e di investimento europei (Sie) 2014-2020.

Anche le questioni energetiche uniscono i due Paesi che collaborano su progetti infrastrutturali di interesse comune nell’Alto Adriatico. Nelle scorse settimane la Slovenia ha annunciato che fornirà mezzi aerei e elicotteri per l’operazione EU Navfor Med, la missione navale della UE per contrastare i “trafficanti di esseri umani”, il cui comando è stato affidato all’ammiraglio italiano Enrico Credendino. (FM, 23 giugno 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts