Ultime notizie
Stampa Articolo Stampa Articolo

Brindisi: in due anni aumento 70% base UNHRD

BRINDISI – Il successo del “modello Brindisi” è testimoniato dal fatto che negli ultimi due anni il numero degli utilizzatori dei servizi della  Base di pronto intervento umanitario delle Nazioni Unite Unhrd (governi, Ong ed organizzazioni Internazionali) è aumentato del 70 per cento.  L’Italia il principale donatore con circa due milioni di euro l’anno che coprono i costi di gestione della Base di Brindisi, cui si sommano i finanziamenti per i servizi erogati pari a 1,5 milioni di euro.

Questo uno dei consuntivi della riunione che si e’ svolta nei giorno scorsi presso la Base tra i partner internazionali della rete di depositi di risposta umanitaria dell’Onu, che include anche le basi di Dubai, Accra, Sebang, Las Palmas e Panama. Alla riunione hanno partecipato oltre 70 delegati provenienti dai Paesi partner, dal mondo delle organizzazioni non governative – tra gli altri, Save the Children, Oxfam, Care, Welthungerhilfe, il consorzio italiano Agire – delle Nazioni Unite (Fao, Oms, PAM, Ocha, Unicef) e rappresentanti della cooperazione governativa (Cooperazione italiana, Irish Aid, Usaid e Cooperazione spagnola).

La riunione ha offerto l’occasione per effettuare una panoramica delle sfide operative che Unhrd ha dovuto fronteggiare negli ultimi mesi, evidenziando sia le “best practices” sia le criticità, in una logica di dialogo aperto con i partner volto a definire una strategia condivisa per gli anni a venire. Le gravi crisi umanitarie rappresentate dall’epidemia di Ebola e dal terremoto in Nepal hanno infatti rappresentato un banco di prova per l’intero sistema, evidenziando la necessità di un miglior livello di coordinamento in grado di assicurare maggiore efficienza delle attività di soccorso.

L’incontro ha stimolato una riflessione sulle sfide e delle opportunità che interesseranno Unhrd nel prossimo futuro, anche alla luce della riforma dell’architettura del sistema umanitario internazionale che si sta già delineando in vista del World Humanitarian Summit del maggio 2016. Il Direttore della rete Unhrd, Pierre Honnorat, ha ringraziato l’Italia per il generoso sostegno al funzionamento della base di Brindisi, ricordando che questa ha rappresentato sin dalla sua istituzione nel 2000 il modello per lo sviluppo di una rete che nel corso degli anni si è ampliata ulteriormente nei cinque continenti. (OI, 24 giugno 2015)

The following two tabs change content below.

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia.

Stampa Articolo Stampa Articolo
About Alessandra Baldini

Alessandra Baldini e’ stata la prima donna giornalista parlamentare per l’Ansa, poi corrispondente a Washington e responsabile degli uffici Ansa di New York e Londra. Dirige OnuItalia. Contact: Website | Twitter | More Posts